NEWS - lavoro - NEWS - ricerca lavoro - NEWS pensioni

figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna in pre-order
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

News contratti e accordi da rassegna.it (CGIL)

#contratti #lavoro #accordi #CGIL

Contratti e accordi
Cooperative e consorzi agricoli: approvata la piattaforma

Gli attivi unitari nazionali di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil hanno approvato, all’unanimità, la piattaforma per il rinnovo del contratto collettivo dei dipendenti delle Cooperative e dei Consorzi Agricoli 2020-2023, in scadenza al 31 dicembre 2019. Tra i punti principali della piattaforma, la richiesta di introdurre la “comunità di sito”, per tutelare i diritti di tutti i lavoratori presenti in un sito produttivo e dipendenti da aziende terze. In materia di appalti, la consegna del Durc da parte dell’azienda appaltatrice a quella committente.

Istituzione di una giornata della sicurezza e aumento delle ore dedicate alla formazione in materia, certificazione delle esperienze formative, trasformazione di ore di straordinario in riposo compensativo, cessione volontaria di ferie e riposi ai lavoratori che necessitino di assistere i parenti, misure di sostegno per le donne lavoratrici vittime di violenza sono alcune delle richieste dei sindacati: questi alcuni dei capitoli della piattaforma.

Importanti anche le misure in materia di welfare e conciliazione dei tempi di vita e di lavoro: incrementare il permesso di paternità; prevedere 8 ore di permesso retribuito per assistere i genitori non autosufficienti; possibilità di usufruire del congedo parentale fino a 14 anni di vita del figlio; riconoscere che degli 8 giorni previsti dal CCNL per le malattie del figlio almeno 2 siano retribuiti; contribuzione al Filcoop sanitario a totale carico dell’azienda per gli operai e rivedere, per gli impiegati, la quota di partecipazione a carico dell’azienda.

L’incremento salariale richiesto per il quadriennio 2020-2023 è, a parametro 111, di 105 euro mensili a regime. Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil esprimono "grande soddisfazione per il percorso democratico e partecipato che ha contribuito alla piattaforma approvata oggi, con la quale propongono alle controparti un rinnovo contrattuale in grado di accrescere le tutele delle lavoratrici e dei lavoratori, migliorare la competitività delle imprese cooperative, far avanzare il sistema delle relazioni sindacali, favorire una politica salariale espansiva utile a contribuire allo sviluppo economico e sociale del Paese".

Data articolo: Tue, 23 Jul 2019 16:41:00 +0200
Contratti e accordi
Contratti, Fp medici: rush finale per rinnovo, ora massimo impegno

"Siamo alle battute finali per il raggiungimento di un intesa sul rinnovo del contratto dei medici e dei dirigenti del Servizio sanitario nazionale. Oggi è infatti una giornata determinante per portare a casa un contratto atteso da oltre 10 e che interessa una platea di circa 130 mila addetti". A farlo sapere è il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Andrea Filippi, aggiungendo che: "Abbiamo fatto un lavoro molto duro, impervio e pieno di ostacoli, punto per punto. Tutto per provare ad ottenere un buon contratto per i professionisti che tutelano la salute dei cittadini".
 
Nel merito della costruzione dell'intesa, prosegue Filippi: "Stiamo lavorando ad un aumento parametrato uguale a tutti i lavoratori pubblici, stiamo intervenendo sul disagio per tutelare chi lavora in situazioni critiche, di notte e nei festivi, e sulle carriere per valorizzare le professionalità e consolidare le posizioni gestionali. Un'operazione difficile viste le poche risorse e le leggi vigenti sulle relazioni sindacali. Oggi è fondamentale la compattezza sindacale per completare nel rush finale quel percorso che per ora non possiamo non definire positivo. Ci aspetta una lunga giornata, noi ci siamo", conclude.

Data articolo: Tue, 23 Jul 2019 11:59:00 +0200
Contratti e accordi
Forestali calabresi: ecco l'integrativo

Alla presenza del presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, il commissario straordinario dell’azienda Calabria verde, Aloisio Mariggiò, il rappresentante dell’Urbi Calabria, Rocco Leonetti, e il commissario straordinario dell’Ente parco naturale regionale delle Serre, Giuseppe Pellegrino, unitamente ai tre segretari generali regionali di Flai, Fai e Uila,  Bruno Costa, Michele Sapia e Antonino Merlino, accompagnati dalle rispettive delegazioni formate dai segretari territoriali di categoria, hanno apposto la propria firma in calce all’ipotesi del rinnovo del contratto integrativo per i forestali calabresi, che andrà a sostituire e integrare il contratto già scaduto nel 2011.

Piena soddisfazione è stata espressa daii sindacati, che hamo condiviso le parole espresse da Oliverio, sul valore fondamentale e indiscutibile dei forestali e del lavoro che svolgono per la salvaguardia ambientale e idrogeologica della regione, evidenziando come finalmente si sia raggiunto un significativo obiettivo. Dopo una lunga e difficile trattativa, si è recuperato il tempo perso in questi anni per i circa 7.000 addetti del comparto.

Nell’accordo sottoscritto, infatti, per i lavoratori si parla di un aumento di 80 euro mensili, a parametro medio, di 800 euro 'una tantum', come indennità di vacanza contrattuale. Cose, queste, che permettono di avanzare sul piano salariale. Ma non solo: anche per questi lavoratori sarà previsto il pagamento della malattia al 100%, i permessi genitoriali e quelli per le unioni civili. Secondo l’auspicio di tutti i presenti, si tratta ora, in attesa degli adempimenti formali per l’approvazione dei bilanci consuntivi e preventivi da parte degli enti datoriali, di portare a conclusione la trattativa con la firma definitiva dell'Integrativo regionale.  

 

Data articolo: Mon, 22 Jul 2019 18:42:00 +0200
Contratti e accordi
Intesa innovativa alla Ma, salvi tutti i lavoratori

Approvato a larghissima maggioranza (88% dei votanti), tramite referendum a scrutinio segreto, l'accordo innovativo tra Fiom Bologna, Rsu e direzione Ma, azienda di Anzola (Bologna) del gruppo Cln che occupa circa 37 dipendenti.  A fronte dello spostamento delle produzioni in Piemonte, l’azienda si impegna a ricollocare integralmente tutti i lavoratori presso altre aziende che si trovino all’interno del perimetro dell’Area metropolitana, garantendo le stesse condizioni contrattuali e professionali (ad es. contratti a tempo indeterminato e retribuzione annuale lorda non inferiore del 10% di quella percepita).

Come ulteriore garanzia per lavoratrici e lavoratori di Ma, l’azienda si impegna a indennizzare economicamente i lavoratori attraverso la definizione e condivisione di un complesso sistema che assume la responsabilizzazione dell’azienda nei confronti dei propri dipendenti come centrale. Gli importi degli incentivi economici infatti scendono qualora le persone si ricollochino in tempi brevi, accedano alla pensione, non aderiscano volontariamente al progetto di ricollocazione o rifiutino proposte ritenute “congrue” ai sensi dell’intesa. L’incentivo massimo previsto è 40 mila euro oltre ad un servizio aggiuntivo di outplacement.

L’accordo prevede infine momenti di verifica e monitoraggio del progetto di ricollocazione. "Questo accordo, che è stato possibile – nella sua complessità e negli importanti importi contenuti nell’intesa - grazie alle mobilitazioni e alle lotte delle lavoratrici e dei lavoratori di Ma (a partire dallo sciopero di venerdì 12 luglio 2019), è particolarmente significativo perché dimostra che è possibile trovare soluzioni innovative che non lascino indietro nessuno. L’accordo dimostra infine che quando i lavoratori sono uniti e solidali fra di loro, la lotta paga", si legge in una nota di Fiom Bologna e Rsu aziendale.

Data articolo: Mon, 22 Jul 2019 15:01:00 +0200
Contratti e accordi
Accordo a Firenze, assunti 200 rider

Circa 200 riders vengono assunti da Runner Pizza, con l'accordo siglato a Firenze. Stamani (22 luglio) sul tema si è svolta una conferenza stampa a Palazzo Vecchio col sindaco Nardella, l’assessore Vannucci e le parti: "C’è voluto tempo e lavoro di squadra per raggiungere quello che oggi possiamo chiamare una soluzione condivisa da entrambe le parti". Lo affermano Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti locali.

I riders con questo accordo sono dei dipendenti subordinati, con tutte le tutele conseguenti: così lavoratori e azienda sono tutelati perché si tratta di un rapporto legale che regolamenta una categoria lavorativa “speciale”, date le esigenze particolari, attraverso l'applicazione del contratto nazionale della logistica. "Un accordo importante - secondo i sindacati - perché coniuga tutele per i lavoratori con particolari esigenze aziendali e perché raggiunto con Runner Pizza, una società che nasce a Firenze circa 25 anni fa, inventando il food delivery italiano come lo conosciamo oggi".

Dopo un lungo confronto, che ha dovuto tenere conto delle specificità particolari del lavoro dei riders, valutate attentamente le pronunce di alcuni tribunali (ad esempio la Corte d'Appello di Torino nella vertenza dei riders contro Foodora), Runner Pizza ha accettato convintamente di applicare ai riders il ccnl Trasporti e logistica, ritenendolo confacente alle proprie necessità e affiancandolo con accordi aziendali di secondo livello. I riders diventano così lavoratori subordinati, ai quali sarà riconosciuta anche l’anzianità lavorativa svolta come co.co.co/co.co.pro con garanzia di applicazione delle norme previgenti al jobs act; saranno pagati in base al contratto nazionale e non alle consegne, avranno riconosciute le ferie, la malattia, l'infortunio, eccetera. Il tutto tramite l’accordo quadro sottoscritto che, tra l’altro, esclude esplicitamente meccanismi di “ranking” per valutare i lavoratori.

"Come Filt-Fit-Uiltrasporti ormai da tempo, a livello nazionale, stiamo cercando di dare tutele reali ai al mondo dei riders e siamo convinti che questo accordo possa aiutare ad indicare una via ufficiale di inquadramento del settore, auspicando che ognuno (istituzioni, associazioni datoriali, sindacali e consumatori) lavori affinché tutte le aziende si adeguino alla “legalità”, per creare una situazione di parità di condizioni - aggiungono le sigle -. Non c’è bisogno di inventarsi nulla, le regole e i contratti nazionali esistono già, questo accordo dimostra che con un po’ di sforzo si può uscire da quella spirale che penalizza aziende sane e legali e lavoratori a cui nulla è riconosciuto".

Filt Firenze: sì all'apertura di un tavolo

Così il commento di Andrea Gambacciani, segretario generale Filt Cgil Firenze-Prato-Pistoia: “L’auspicio è che questo accordo sia esteso anche ad altri operatori del food delivery a Firenze: in tal senso apprezziamo l’idea del sindaco Nardella di istituire un apposito tavolo. Il settore del food delivery è in espansione e i lavoratori hanno diritto alle tutele contenute nel contratto nazionale - prosegue -. L’intesa siglata con Runner Pizza a Firenze, a partire dalla clausola sociale, dimostra come con la contrattazione di secondo livello si possa garantire l'utilizzo del lavoro subordinato in questo settore”.

Data articolo: Mon, 22 Jul 2019 14:38:00 +0200
Contratti e accordi
Ccnl miniere, Falcinelli (Filctem): aumento non suscettibile a verifica inflazione

In questi giorni è stato firmato il testo definitivo  del contratto nazionale di lavoro del settore estrattivo e delle miniere. Marco Falcinelli, segretario generale della Filctem Cgil, ha voluto fare il punto su questo contratto: “Nelle imprese associate ad Assomineraria ci sono circa 1.800 lavoratori, a questi si devono sommare circa i circa 1.500 addetti che operano in aziende non associate ad Assominiere”.

“Una delle novità più importanti - ha continuato Falcinelli - è che le somme definite per l'aumento dei minimi non saranno suscettibili di alcuna modifica economica relativa alla verifica dell'inflazione nel triennio, il saldo salariale rimarrà costante, è un traguardo importante che vorremmo inserire in tutti i contratti. Ai minimi andranno ad aggiungersi quote destinate alla contrattazione di secondo livello, circa 200 euro per ogni anno di vigenza contrattuale”.

“Invece, per coloro che lavorano in galleria o nei pozzi - ha proseguito il segretario generale della Filctem Cgil - è previsto un incremento dell'indennità di sottosuolo che viene aumentata di 2 euro lordi giorno, passando quindi da 10 a 12 euro”.

“Nella previdenza complementare - ha concluso Falcinelli - è previsto un aumento della quota a carico delle aziende del 2%. Raddoppia, inoltre, il monte ore a disposizione per la formazione e l'attività dei rappresentanti  dei lavoratori della sicurezza (Risa). Una delle novità inserite nel nuovo contratto riguarda poi la questione ambientale e delle bonifiche. Anche alla luce della conversione che si apprestano a vivere numerosi siti minerari. In ultimo l'ampliamento della partecipazione del sindacato nelle scelte e nell'indirizzo dello sviluppo industriale delle imprese, cosa che crediamo non essere banale”.

Ricordiamo che il ccnl delle miniere prevede una crescita salariale fino a 164 euro (livello di riferimento) e i destinatari sono circa 4mila addetti occupati in 60 siti della Penisola, la cui vigenza sarà  triennale (2019-2022). L'aumento previsto sui minimi (Tem), nel triennio sarà di 140 euro per il quinto livello, mentre il trattamento economico complessivo (Tec) sarà di 164 euro. Il tutto suddiviso in tre tranche che prevedono 40 euro da gennaio 2020, 40 euro da gennaio 2021 e 60 euro da gennaio 2022.

 

Data articolo: Mon, 22 Jul 2019 12:25:00 +0200
Contratti e accordi
Ccnl energia: sindacati, tempo del rinnovo è maturo

"il tempo della trattativa dovrà risolversi in tempi brevi". Questo il primo commento di Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil dopo l’incontro di oggi (venerdì 19 luglio) a Roma tra la delegazione trattante sindacale con le associazioni datoriali di categoria (Utilitalia, Elettricità Futura ed Energia Libera). "Non è più possibile attendere ancora", ribadiscono i sindacati: "La necessità di un’accelerazione verso il rinnovo del contratto di lavoro è dettata dal futuro che ci attende in autunno. Infatti, se l’articolo 177 del Codice degli appalti è stato solo sospeso, il pericolo delle sue ricadute rimangono più che mai attuali. Ma non solo, la transizione energetica e l’uscita dal ‘carbone’, il riassetto sulle concessioni idroelettriche e il superamento del mercato tutelato, impongono la ricerca di obiettivi comuni tra le rappresentanze dei lavoratori e le associazioni datoriali". Filctem, Flaei, Uiltec così concludono: "In questo panorama complesso uno scontro sul tema del rinnovo contrattuale rischia di minare queste battaglie che necessariamente dobbiamo condurre insieme”.

Data articolo: Fri, 19 Jul 2019 14:30:00 +0200
Contratti e accordi
Diritti e lavoro: il nuovo integrativo Lamborghini

Raggiunta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto aziendale Automobili Lamborghini per il quadriennio 2019-2022. "In continuità con l’esperienza di Automobili Lamborghini si tratta di un accordo che prosegue nella strada dell’innovazione sociale e della sperimentazione di nuovi diritti. L’accordo consolida e dà garanzia di stabilità al sistema contrattuale, alle relazioni e alla redistribuzione economica per la Lamborghini dei prossimi anni", si legge in una nota di Fiom, Fim Bologna e Rsu aziendale.

Il sistema di relazioni sindacali, improntato ai principi della Charta dei rapporti di lavoro della Volkswagen e fondato sui diritti di informazione, consultazione e contrattazione, spiega la nota, "viene rafforzato attraverso una razionalizzazione del sistema degli incontri periodici, l’istituzione di una nuova Commissione tecnica bilaterale ('Mensa') e l’inserimento all’interno delle attuali Ctb (Commissioni tecniche bilaterali, ndr) del tema della mobilità sostenibile”.

L’intesa riconferma il lavoro in materia di allargamento dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori presenti nel sito Automobili Lamborghini e dipendenti di aziende in appalto, attraverso la concretizzazione del diritto per tutte e tutti all’assemblea sindacale retribuita, anche prevedendo il diritto a svolgere assemblee congiunte su temi di interesse generale che riguardino sia i dipendenti di Automobili Lamborghini, sia i dipendenti delle aziende in appalto. In materia di appalti viene riconfermato e rafforzato il ruolo dei delegati della Rsu Automobili Lamborghini su tutto il sito e si riafferma il principio che, prendersi cura dei lavoratori più deboli è il miglior modo per garantire diritti e giustizia sociale per tutti.

In materia di Factory 4.0 viene prevista una discussione preventiva con la parte sindacale in occasione della progettazione di nuovi processi produttivi e si assegna alla Ctb "Organizzazione del lavoro" il compito di affrontare il dibattito del futuro sulla “disponibilità del dato”, lavorando nei prossimi anni alla definizione di cosa e di chi sono i dati prodotti dai sistemi informatici aziendali, rimettendo al centro il lavoratore in un concetto di partecipazione democratica dell’innovazione tecnologica.

"Siamo particolarmente orgogliosi di aver inserito un capitolo denominato diversity, che formalizza e vincola tutti alla valorizzazione di tutte le diversità presenti in azienda (sia di genere sia generazionali), prevede l’erogazione a due delegati sindacali di un corso per interprete Lis (cioè della lingua dei segni, ndr) e afferma l’impegno di tutti contro ogni forma di discriminazione, razzismo, sessismo e omofobia, assumendo i principi di parità di trattamento previsti dal codice etico Lamborghini all’interno della contrattazione aziendale", continua il comunicato.

Estremamente ricco anche il capitolo dei diritti individuali: viene rafforzato il sistema forfait + /forfait – per il personale impiegatizio, vengono introdotte 4 ore annue di permessi aggiuntivi per visite mediche riguardanti figli minorenni o genitori dei dipendenti, utilizzabili anche in caso di visite veterinarie, viene previsto un incremento dei giorni di permesso ex legge 53/2000, viene inoltre confermato il percorso che a breve porterà alla costituzione della “banca delle ore solidali”.

Molto interessante, sempre nel capitolo “diritti individuali”, l’incremento del contributo aziendale per i periodi di astensione facoltativa per maternità (che passa dal 30% al 40% a carico azienda che si somma al 30% riconosciuto dall’Inps) qualora entrambi i genitori si avvalgano dell’istituto, per favorire la “parità genitoriale”.

Rientrano nel capitolo “responsabilità sociale di impresa” la conferma dell’adesione di Automobili Lamborghini al progetto “Insieme per il lavoro”, l’impegno a favorire la fruizione da parte dei dipendenti di nidi e scuole dell’infanzia pubbliche (attraverso confronti da avviare con le Istituzioni locali), così come l’impegno ad affrontare il tema della “mobilità sostenibile” coinvolgendo all’interno di una apposita Commissione tecnica bilaterale tutte le Istituzioni locali e gli enti preposti.

Significativa anche la parte dell’accordo che riguarda la formazione e i percorsi di crescita professionale, che insiste sulla possibilità dei lavoratori e delle lavoratrici di proporre autonomamente la scelta di corsi di formazione all’interno del catalogo aziendale, sulla condivisione e miglioramento dello strumento del job posting e sulla possibilità, per tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori (anche dei reparti produttivi), di proporsi per corsi di lingua inglese anche da frequentare al di fuori dell’orario di lavoro.

Per quanto riguarda la parte economica, i valori target del premio di risultato passano dai 3 mila euro del 2018 ai 3.500 euro del 2019 per arrivare a 3.800 euro uguali per tutti nel 2022. Viene inoltre previsto che, a decorrere dal 2020, un indicatore del premio di risultato sarà legato alla sostenibilità ambientale. Dal 2021 al premio di risultato si aggiungerà un erogazione annuale – definita anche sulla base di un impegno contenuto nell’accordo ponte del 2018 – denominata Pcr (Premio di continuità del risultato) che andrà a rendere stabile nel tempo un valore pari al 10% della media erogata a titolo di premio di risultato negli anni precedenti.

Sia il Pdr che il Pcr saranno riconosciuti, come nella storia contrattuale dei metalmeccanici bolognesi, a tutti i lavoratori indipendentemente dalla tipologia contrattuale, e quindi anche ai lavoratori somministrati (ex interinali).

Sempre in riferimento alla parte economica viene rivalutata l’indennità di cartella (cifra mensile fissa riconosciuta al personale diretto di produzione con tempi assegnati) che passa da 40 euro mensili a 48 euro mensili e viene incrementato, a decorrere da gennaio 2021, il contributo aziendale per i lavoratori che aderiscono ai fondi di previdenza complementare di natura contrattuale (Previlabor e Cometa), passando dal 2,2% attuale al 2,5%.

"Pensiamo che l’ipotesi di accordo raggiunta sia frutto di un grande lavoro collettivo, frutto di avanzate relazioni sindacali, di un clima positivo di fiducia e rispetto reciproci, frutto delle competenza delle delegate e dei delegati sindacali e della forza che il sindacato, complessivamente inteso, ha in Automobili Lamborghini. Ora la parola passa alle lavoratrici e ai lavoratori attraverso lo strumento del referendum", termina il comunicato.

Data articolo: Thu, 18 Jul 2019 12:22:00 +0200
Contratti e accordi
Tecnis: i lavoratori approvano la vendita a D'Agostino

Via libera dei dipendenti Tecnis alla vendita della loro azienda alla D’Agostino costruzioni srl. L’intesa per l’acquisto era stata stipulata a Roma, grazie a un accordo con Feneal, Filca e Fillea, approvato all’unanimità dai lavoratori, nel corso di un’assemblea molto partecipata.

“La vendita – spiegano i sindacati – prevede la ricollocazione di tutti i 148 addetti ai cantieri e alla sede. Si tratta di un accordo che ci soddisfa, perché non intacca i livelli occupazionali e arriva alla fine di una vertenza lunga e difficile, in cui i lavoratori hanno dovuto affrontare momenti di grande tensione. Ci auguriamo che con l’arrivo dell’acquirente, la D’Agostino, ci sia una immediata ripresa dei cantieri, a tutto vantaggio non solo delle maestranze, ma anche delle aree interessate, che da tempo soffrono il sostanziale fermo produttivo e aspettano opere importanti per lo sviluppo e la competitività del territorio”.

Intanto, nelle costruzioni ci sono ancora crisi importanti, che attendono soluzioni in grado di garantire il mantenimento dell’occupazione: “La crisi della Cmc di Ravenna e della romana Grandi lavori Fincosit – spiegano le sigle di categoria – sono solo due degli esempi su cui il ministero dello Sviluppo economico ci deve delle risposte. Non è pensabile che realtà storiche del settore, che occupano migliaia di lavoratori, non siano considerate prioritarie per lo sviluppo del Paese. È necessario che i tavoli di crisi siano attivati e che siano trovate soluzioni rapide per il mantenimento dei posti di lavoro e per il completamento delle opere”.

Tag: la vertenza Tecnis

Data articolo: Wed, 17 Jul 2019 17:28:00 +0200
Contratti e accordi
Lecce, avviato nodo territoriale Rete del Lavoro agricolo di qualità

“Il 17 luglio è una data importante. Finalmente è stato avviato il nodo territoriale della Rete del Lavoro agricolo di qualità. Un evento che abbiamo chiesto e atteso da oltre un anno. Ringraziamo il prefetto Maria Teresa Cucinotta per aver raccolto queste istanze. È chiaro che non possiamo fermare qui: siamo solo all’inizio di un percorso che vedrà insieme organizzazioni sindacali, associazioni datoriali, enti bilaterali, Inps e Centri per l’impiego. La Rete offre tutti gli strumenti per prevenire e combattere lo sfruttamento del lavoro, in particolare per la gestione del mercato del lavoro in maniera chiara e trasparente. Potremo ora tarare la nostra attività sulle esigenze e dinamiche del territorio”. Così Monica Accogli, segretario generale della Flai Cgil Lecce, sull’attivazione del nodo territoriale della Rete del lavoro agricolo di qualità.

Data articolo: Wed, 17 Jul 2019 16:51:00 +0200
Contratti e accordi
Accordo Italpizza, si apre la strada dell'internalizzazione

C'è l'accordo per i lavoratori Italpizza, in provincia di Modena. Si apre un percorso di internalizzazione per gli addetti del sito. Dopo una lunga trattativa notturna iniziata alle ore 9 di ieri mattina presso la sede di Confcooperative e poi proseguita presso la sede di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil modenesi, unitamente alle categorie sindacali di settore, la notte del 17 luglio hanno siglato con le controparti datoriali, l'ipotesi di accordo quadro sugli inquadramenti contrattuali dei lavoratori Italpizza. L'ipotesi è stata presentata ai lavoratori nelle assemblee di sito in corso oggi stesso. 

Per i circa 600 lavoratori addetti alla produzione in appalto presso la cooperativa Evologica, l’accordo quadro prevede un percorso di aumenti retributivi che culminerà con l’assunzione diretta da parte di Italpizza a partire dal 1/1/2022, secondo i seguenti passaggi: una tantum di 580 euro lordi con la busta paga di agosto 2019, un aumento retributivo dal 1/1/2020 per raggiungere l'85% della retribuzione del contratto dell'industria alimentare; un aumento retributivo dal 1/1/2021 per raggiungere il 93%, e infine l'assunzione diretta da parte di Italpizza dal 1/1/2022, con l'applicazione integrale del contratto dell'industria alimentare. 

Per i circa 250 lavoratori addetti al confezionamento e alla logistica presso la cooperativa Cofamo, l’accordo quadro prevede invece una ulteriore fase di confronto che dovrà concludersi entro il 31/12/2019 per definire i corretti inquadramenti contrattuali. In questa fase è comunque prevista l’una tantum di 580 euro con la busta paga di agosto. 

Anche i temi dell’organizzazione del lavoro vengono demandati ad appositi confronti da svolgersi nella vigenza dell’accordo. Altri aspetti finali riguardano i trattamenti specifici per eventuali nuovi assunti/dimessi e il mantenimento degli impegni dell'azienda committente in caso di cambio appalto. Le aziende si impegnano a non fare esuberi e a far sì che tutto il personale impiegato sarà utilizzato all’interno del sito produttivo. 

“Si è lavorato con l’obiettivo di superare il modello di appalto completo delle lavorazioni ripristinando le corrette sfere di applicazione contrattuale – dichiarano congiuntamente le sigle sindacali di Cgil Cisl Uil impegnate nell’accordo –. Il percorso è ancora lungo e sono necessari ulteriori passaggi, ma la gestione contrattuale degli oltre 1.000 lavoratori è complessa. I lavoratori avranno da subito dei benefici economici e l’intera lavorazione delle pizze sarà internalizzata con l’applicazione progressiva del contratto nazionale dell’industria alimentare. L’accordo punta a coniugare la sostenibilità produttiva e occupazionale del sito con la qualità del lavoro. Ora la parola spetta ai lavoratori”. 

Data articolo: Wed, 17 Jul 2019 16:40:00 +0200
Contratti e accordi
Lavanderie industriali, avviate le trattative per il rinnovo

Si sono aperte oggi, a Roma, le trattative fra la delegazione trattante di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil e i rappresentati di Assosistema, l’associazione datoriale di Confindustria, per il rinnovo del contratto del settore delle lavanderie industriali, il sistema integrato di beni e servizi tessili, medici e affini, scaduto il 31 marzo scorso, che annovera 22.400 i lavoratori.

“Conosciamo la realtà di questo settore, perciò crediamo di poter individuare insieme una soluzione ottimale per il rinnovo di questo ccnl, nella tutela del lavoro attraverso soluzioni condivise, che conciliano le esigenze dei lavoratori con quelle delle controparti”: hanno detto le segreterie nazionali delle sigle di categoria nel loro intervento al tavolo di confronto con le controparti datoriali.

L’incremento economico richiesto nella piattaforma, presentata nel marzo scorso, è di 115 euro (cat. B1) per il triennio 2019-21. Inoltre, per la parte economica è stato richiesto l’incremento dell’elemento perequativo, per quelle aziende che non hanno il contratto di secondo livello, portandolo dagli attuali 200 a 350 euro.

Per quanto riguarda il welfare contrattuale, nella piattaforma unitaria è stato individuato per la previdenza integrativa di portare al 2% il contributo dell’azienda al fondo (Previmoda) e di consentirne l’adesione anche a lavoratori con contratti di durata superiore a tre mesi; sulla previdenza sanitaria (Fasiil) la richiesta di elevare il contributo mensile a carico delle aziende a 12 euro e che sia previsto il vincolo contrattuale per un aumento della retribuzione mensile pari a 25 euro, a favore di tutti i dipendenti, per i quali non si è provveduto al versamento delle quote previste per lo stesso Fasiil, oltre a una serie di miglioramenti normativi che consentano la gestione dei tempi di vita e di lavoro.

Infine, importante evidenziare la stretta collaborazione tra Filctem, Femca, Uiltec con Assosistema sullo sviluppo di 'politiche di sistema', che si oppongano al fenomeno di dumping salariale, generato dai contratti 'pirata'.

Data articolo: Tue, 16 Jul 2019 16:45:00 +0200
Contratti e accordi
Husqvarna (Lecco), al via cig per chiusura azienda

Cassa integrazione straordinaria al via per gli 81 dipendenti dello stabilimento di Valmadrera (Lecco) della multinazionale svedese Husqvarna, dove si producevano tosaerba prima dell'annuncio della chiusura lo scorso 5 luglio. L'accordo è stato firmato al ministero del Lavoro dalle Rsu, dai rappresentanti di Fiom Cgil, Fim Cisl, Uilm Uil, Confindustria, Regione Lombardia e azienda. "L'accordo - spiega Fabio Anghileri (Fiom Cgil Lecco) - prevede anche l'istituzione di politiche attive per ricollocare i lavoratori. A questo proposito l'azienda ha nominato un advisor per trovare trovare realtà che vogliano re-industrializzare o portare avanti il lavoro nel sito".

Data articolo: Tue, 16 Jul 2019 10:01:00 +0200
Contratti e accordi
ArcelorMittal, siglato accordo per interventi a Taranto

"A seguito di un lungo e aspro confronto è stato firmato un verbale di accordo, nonostante le resistenze dell'azienda ad assumere provvedimenti urgenti e straordinari". Questo il commento del segretario nazionale della Fiom Cgil, Gianni Venturi, al tavolo del ministero dello Sviluppo economico su ArcerlorMittal, conclusosi nella tarda serata di lunedì 15 luglio: "Si tratta di un primo passo finalizzato a dare risposte in tema di sicurezza degli impianti e di prevenzione degli incidenti. Nel verbale si prevede la presentazione di Piani di investimenti straordinari legati alle manutenzioni e attivazione di incontri ad hoc in tutte le aree dello stabilimento di Taranto, da estendere alle società controllate e agli altri stabilimenti del gruppo, con i delegati di riferimento legati alle manutenzioni ordinarie e straordinarie". Il primo incontro è calendarizzato per mercoledì 17 luglio presso il sito di Taranto, a partire dall'area portuale.

Un altro punto del verbale riguarda poi "l'istituzione di incontri, area per area, volti a verificare l'utilizzo dei lavoratori posti in cassa integrazione, a seguito di una procedura esperita senza accordo, per le attività di manutenzione ordinarie e straordinarie". Il primo incontro, su questo punto, è calendarizzato per giovedì 18 luglio presso il sito di Taranto. "Registriamo la disponibilità del ministero a verificare l'evoluzione e l'attuazione del verbale di accordo. L'azienda, il cui atteggiamento ci è sembrato al di sotto delle disponibilità e responsabilità che il momento richiede, deve sapere che la Fiom vigilerà sul rispetto di tutti gli impegni".

Positivo anche il commento del segretario generale della Uilm Rocco Palombella, che sottolinea come l'accordo preveda anche "una verifica del numero dei lavoratori posti in cassa integrazione al fine di impegnare il maggior numero di lavoratori manutentori in attività di manutenzione", così come l'istituzione una task force "con l'obiettivo di monitorare lo stabilimento e verificare sicurezza di tutte le aree e un presidio con l'ausilio di enti, organi di vigilanza e ispezione".

Sulle cause che hanno determinato il crollo della gru del 10 luglio, l'azienda, aggiunge Palombella, "si è impegnata a effettuare uno studio di fattibilità e di realizzazione rispetto all'adozione di soluzioni tecniche e organizzative".

Data articolo: Tue, 16 Jul 2019 08:56:00 +0200
Contratti e accordi
Zte Italia: siglato primo integrativo

"Le segreterie nazionali e territoriali Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, insieme alle Rsa, hanno sottoscritto  il primo storico accordo di secondo livello con l'azienda multinazionale cinese Zte". Lo annuncia una nota unitaria dei sindacati di categoria, che esprimono grande soddisfazione per il risultato ottenuto.

L'intesa prevede l'inserimento di una serie di tutele importanti, quali l'estensione del congedo matrimoniale anche alle unioni civili; un giorno di permesso aggiuntivo per nascita figlio; 12 ore di permesso per inserimento asilo nido e scuola materna; 3 giorni di permesso l’anno per malattia figli fino a 11 anni; estensione dei permessi previsti per gravi motivi familiari, anche agli affini entro il secondo grado; un giorno aggiuntivo di permesso annuo per lutto parenti fino al terzo grado; 20 ore di permesso annuo per visite mediche documentate.

Nell'accordo, le parti hanno anche introdotto e regolamentato l'istituto di ferie e permessi solidali, il lavoro agile, la reperibilità e istituito il ticket restaurant quotidiani, e introdotta la sanità integrativa aziendale fino al 2020, interamente a carico aziendale.

 

Data articolo: Mon, 15 Jul 2019 17:04:00 +0200
Contratti e accordi
Medici e dirigenti sanitari: trattativa serrata

"Trattativa serrata per il rinnovo del contratto dei medici e dei dirigenti del Servizio sanitario nazionale, a lavoro per raggiungere un buon accordo". A fornire un aggiornamento sulla trattativa è il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Andrea Filippi, aggiungendo che: "Dopo aver raggiunto un accordo chiaro con le Regioni per il finanziamento pieno del rinnovo contrattuale, in attesa della bollinatura del ministero dell'Economia con una integrazione della parte economica dell'atto d'indirizzo, stiamo lavorando intensamente per dare finalmente un buon contratto anche ai medici e ai dirigenti sanitari del Servizio sanitario".

La trattativa, fa sapere il dirigente sindacale, "è serrata e ci aspettiamo che nelle prossime riunioni l'Aran accolga i nostri emendamenti al testo proposto, tutti per noi fondamentali e di buon senso. Le nostre priorità sono chiarissime: costruire un sistema di classificazione di carriere che valorizzi tutti i professionisti ad iniziare dai giovani, storicizzare le posizioni aumentando le parti fisse della retribuzione, rendere finalmente esigibile il diritto di tutti i dirigenti ad avere un incarico dopo 5 anni di anzianità di servizio, anche per coloro che hanno lavorato a tempo determinato con o senza soluzione di continuità".

Per Filippi si tratta di "temi fondamentali sui quali possiamo ottenere grandi risultati per tutti. La partita però continua su tutte le questioni normative: dal sistema di valutazione al rapporto di lavoro, dalle assicurazioni al disagio dei professionisti. Temi sui quali non siamo disposti a lasciare nulla sul tavolo che non porti al riconoscimento delle professionalità indispensabili alla salute della cittadinanza", conclude.
 

Data articolo: Mon, 15 Jul 2019 15:26:00 +0200
Contratti e accordi
Ascoli-Fermo: ancora stallo sull'integrativo territoriale dell'edilizia

"I lavoratori edili meritano più attenzione e soprattutto rispetto da parte di chi ha il dovere di costruire le migliori condizioni di lavoro a tutela sia dei lavoratori che delle imprese oneste che operano da anni sul nostro territorio". Ad affermarlo in una nota sono Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil delle province di Ascoli Piceno e Fermo dopo l'ulteriore rinvio a data da destinarsi del confronto con l'Ance per il rinnovo del contratto integrativo territoriale.

"Non si può temporeggiare ulteriormente perchè gli impegni della ricostruzione post sisma dovrebbero interessare le imprese locali in un'ottica di salvaguardia del buon lavoro, dei diritti dei lavoratori e delle aziende sane che operano nella legalità - affermano i sindacati - Purtroppo si prende atto della scarsa attenzione dell'Ance sui temi posti in essere dalla piattaforma e per questo le Organizzazioni Sindacali sono pronte a dare il via ad uno stato di agitazione con un piano straordinario di assemblee nei cantieri per informare i lavoratori e le aziende dello stallo che si è venuto a creare, certamente non per responsabilità dei sindacati".

Data articolo: Fri, 12 Jul 2019 18:34:00 +0200
Contratti e accordi
Luxottica: altissimo apprezzamento tra i lavoratori per l'integrativo

Luxottica: gli oltre 10 mila lavoratori del Gruppo Luxottica hanno partecipato in modo massiccio alle assemblee per l’illustrazione dei contenuti del contratto integrativo di gruppo, esprimendo valutazioni ampiamente positive sull’impianto dell’accordo e sui contenuti specifici relativi alle varie materie trattate. Ne danno notizia in una nota Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil.

“In tutti i siti industriali, logistici e direzionali, i lavoratori hanno così premiato il lungo lavoro svolto nella trattativa dalle segreterie nazionali di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil, di tutta la delegazione trattante e delle Rsu con i rappresentanti dell’azienda, una trattativa lunga terminata, come è noto, all’alba del 21 giugno scorso. Ma soprattutto i lavoratori hanno voluto ribadire l’importanza e la necessità del lavoro come elemento essenziale della vita in questo paese, come recita il primo articolo della nostra Costituzione”, continua il comunicato.

“La stabilizzazione di 1.150 lavoratrici e lavoratori riveste, in un momento così difficile per il nostro paese, un significato sociale ed etico elevatissimo. L’alto livello di partecipazione e l’approvazione da parte delle tante lavoratrici e dei tanti lavoratori nelle assemblee conferma il buon lavoro svolto da tutti per la firma di questo accordo e ci consegna la responsabilità di continuare su questa strada per gestire al meglio il futuro e l’applicazione di questo integrativo in tutte le sue parti”, commentano i sindacati.

Data articolo: Fri, 12 Jul 2019 12:50:00 +0200
Contratti e accordi
Firmata la sezione ricerca del contratto Sanità pubblica

Sottoscritta ieri (11 luglio) definitivamente, dopo 196 giorni dalla pre intesa, la sezione contrattuale della ricerca del contratto della Sanità Pubblica 2016-2018 che coinvolge circa 3mila precari. “Oggi si è completato il percorso per permettere ai ricercatori precari della sanità di essere finalmente riconosciuti e inquadrati nel contratto collettivo nazionale di lavoro. Un primo importante risultato - fanno sapere Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl - ottenuto grazie alla mobilitazione unitaria per il pieno riconoscimento e la valorizzazione di tutte le lavoratrici e i lavoratori che in questi anni hanno consentito alla ricerca sanitaria di essere ai primi posti nel mondo”. 

“La nostra azione - proseguono - non si esaurisce qui e saremo impegnati da subito per dare applicazione concreta al contenuto del nuovo contratto. Riteniamo ora necessario stringere i tempi e che, in attesa che vengano emanati il Dm e il Dpcm previsti dalla normativa, si intervenga sugli Ircss e sugli Izs affinché diano comunque inizio alle procedure di applicazione delle norme contenute nella sezione contrattuale appena sottoscritta. Provvederemo quindi a sollecitare il Ministero della Salute e il Ministero della Pubblica Amministrazione affinché procedano in tempi rapidissimi all’emanazione dei Decreti previsti”, concludono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Data articolo: Fri, 12 Jul 2019 11:26:00 +0200
Contratti e accordi
Ferrarelle, rinnovato l'integrativo

Ferrarelle: rinnovato l'integrativo di gruppo per il triennio 2019-2021. "È un importante risultato per i lavoratori e le lavoratrici che hanno partecipato con la loro passione e i loro sforzi ai successi dell’azienda.  L’integrativo di Gruppo è il risultato di un lavoro congiunto fra le segreterie nazionali e tutto il coordinamento nazionale, costituito dalle organizzazioni sindacali territoriali e dalle Rsu dei siti di Riardo e Boario”. Lo dichiara la Flai Cgil nazionale in una nota. 

“L’accordo – spiega la nota - pone molta attenzione al tema delle politiche di genere e alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Un lavoro sempre più stringente su salute e sicurezza, con ulteriori otto ore per la formazione degli Rls e maggiore confronto con i lavoratori e le lavoratrici sulla prevenzione. Capitolo centrale è quello della Formazione, mirato ad incrementare le professionalità dei lavoratori e quindi il miglioramento e l’accrescimento delle performance aziendali, con particolare attenzione ai temi dell’innovazione tecnologica e della digitalizzazione”. 

“Il premio di risultato – conclude la nota - parametrato al terzo livello, prevede un incremento di 210 euro, con un montante di 445 euro e un totale di 7100 euro nel triennio.  L’integrativo mette in evidenza l’importanza le relazioni sindacali ed è la dimostrazione di come il ruolo della contrattazione integrata, di Gruppo e di Sito, permetta il miglioramento delle condizioni economiche e lavorative delle lavoratrici e lavoratori”. 

Data articolo: Wed, 10 Jul 2019 10:11:00 +0200

Le notizie sul lavoro, ricerca lavoro e pensioni

Offerte lavoro, concorsi, bandi

Offerte lavoro su Adecco Annunci offerte lavoro da repubblica.it News lavoro da livesicilia.it Offerte lavoro da cercolavoro.com News offerte lavoro professionearchitetto.it Concorsi presso Corpo VV. Fuoco News offerte lavoro cliclavoro.gov.it News cliclavoro.gov.it News lavoro concorsi.it Offerte lavoro da jobannunci.com Offerte lavoro da infojobs.it News da biancolavoro.it News da informagiovaniroma.it

Notizie da INPS e notizie sulla Pubblica Amministrazione

Comunicati stampa INPS News INPS

Video tutor INPS youtube News per gli amanti delle action figures Ultimi aggiornamenti da INPS News circolari INPS News Sentenze lavoro da INPS News raggiungere età pensione News da cgiamestre.com News sul lavoro da dati.gov.it News Ministero lavoro e politiche sociali

News formez.it(Governo)

Aspetti normativi del lavoro per imprese: diritto, previdenza, sicurezza

Lavoro&previdenza Ilsole24ore Agricoltura e impresa ilsole24ore

News sicurezza sul lavoro da quotidiano sicurezza.it Impresa e Lavoro-Ilsole24ore

Diritto lavoro da Studio Cataldi

I sindacati

News primo piano da cisl.it Notizie da cisl.it Comunicati stampa da cisl.it Notizie dal territorio da cisl.it

Scioperi e vertenze (CGIL) Salute e sicurezza nel lavoro (CGIL) Contratti e accordi (CGIL)

News interventi sul territorio (CGIL) News welfare e previdenza CGIL Tutte le notizie da CGIL News recensioni action figures News per gli amanti delle action figures