NEWS - lavoro - NEWS - ricerca lavoro - NEWS pensioni

figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna in pre-order
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

Notizie varie da cisl.it

#lavoro #sindacato #notizievarie #cisl.it

News Categorie e Servizi
Sanità. Spi-Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil a Speranza: "Avanti con abolizione Superticket"

Roma, 11 ottobre 2019 - I Sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil hanno incontrato oggi pomeriggio il Ministro della Salute Roberto Speranza sulle risorse da destinare alla sanità e per sollecitare la definizione di una legge nazionale sulla non autosufficienza in previsione della prossima legge di bilancio.

I Sindacati hanno ribadito la richiesta di abolire fin da subito i superticket e hanno apprezzato la disponibilità del Ministro ad avviare un percorso di confronto continuo sui temi che riguardano milioni di pensionati e di persone anziane.

Data articolo: Fri, 11 Oct 2019 16:21:53 +0200
News Categorie e Servizi
Scuola. Gissi (Cisl): "No ad ulteriori adempimenti imposti dall’INPS alle scuole"
Roma, 11 ottobre 2019. Con riferimento al messaggio dell’INPS n. 3400, inviato alle scuole il 20 settembre scorso, riguardante l’attivazione di un applicativo per l’elaborazione del trattamento di fine servizio, la CISL Scuola ribadisce ancora una volta la netta contrarietà all’impiego del personale di segreteria delle scuole per lo svolgimento di pratiche previdenziali, che costituisce un improprio e indebito trasferimento di ulteriori incombenze a uffici già troppo spesso costretti ad operare in condizioni di vera e propria emergenza. Compiti ulteriori, non previsti dal CCNL e che sono di stretta competenza dell’ente previdenziale. Non è la prima volta che accade, ma ora si va oltre quanto già è avvenuto in passato con le pratiche riguardanti i pensionamenti e in particolare l’applicazione della cosiddetta Quota 100.  La CISL Scuola ribadisce che le scuole non possono essere obbligate, assumendosene anche le conseguenti responsabilità, allo svolgimento di questi ulteriori e gravosi adempimenti, da gestire tramite applicativi di altre amministrazioni, sia per la carenza di personale, sia per l'assenza di competenze specifiche.  Sono del tutto evidenti le implicazioni di natura contrattuale in ordine a questi eventuali nuovi carichi di lavoro. In attesa dell’avvio del tavolo tematico sul personale ATA previsto dall’intesa del 1° ottobre, la CISL Scuola chiede che la questione sia affrontata immediatamente in un confronto col MIUR, non essendo accettabile l’invio di disposizioni unilaterali alle scuole da parte dell’INPS. Data articolo: Fri, 11 Oct 2019 10:25:33 +0200
News Categorie e Servizi
Terziario. #Iperexit2019 fuga dal format ipermercato, Fisascat Cisl: "Per rispondere a nuove sfide mercato investire su competenze lavoratori e adottare politiche di settore sotto una regia istituzionale"

Roma, 10 ottobre 2019 – La fuga dal format ipermercato in Italia produrrà dei cambiamenti profondi sulla struttura della grande distribuzione organizzata e sulle modalità di consumo, già fortemente condizionate dall’impatto delle tecnologia e dalla diffusione dell’e-commerce. Ma come affrontare la ristrutturazione profonda di un settore che oggi vale oltre 100miliardi di euro, con un apporto al Pil del 5,8%, e occupa circa mezzo milione di addetti nel suo complesso? La Fisascat Cisl - promotrice di una tavola rotonda sul tema “IperExit 2019. Fuga dal Format. La metamorfosi della Gdo, le implicazioni sul lavoro” - suggerisce la strada della concertazione e della contrattazione e rilancia il ruolo propositivo e partecipativo dei sindacati per supportare la inevitabile trasformazione del settore in una logica di responsabilità e solidarietà. 

Un dibattito a più voci, quello promosso dalla federazione sindacale nell’iniziativa che registra la partecipazione tra i relatori~ di Donatella Prampolini Manzini – vice presidente Confcommercio, di Mauro Bussoni – Segretario Generale Confesercenti, di Francesco Quattrone – Direttore area lavoro e relazioni sindacali Federdistribuzione, di Stefano Guidi – Responsabile Nazionale Commissione Lavoro e Formazione Ancc-Coop, di Paolo Condini – Responsabile delle Relazioni Sindacali Ancd Conad, Roberto Savini – Presidente Confcooperative settore consumo e utenza, oltre che del segretario nazionale della Fisascat Cisl Vincenzo Dell’Orefice, ~del Vice Capo di Gabinetto del Ministero Sviluppo Economico Giorgio Sorial, ~del Segretario Confederale Cisl ~Andrea Cuccello e del Segretario Generale della Fisascat Cisl Davide Guarini.
Se il rilancio del retail passa necessariamente da una offerta commerciale che punti alla omnicanalità, alla qualità e alla sostenibilità del prodotto, ma che all’’implementazione dell’offerta dei servizi, per la categoria cislina sarà necessario - già nella fase dei rinnovi contrattuali di settore tutti in scadenza nel 2019 - investire sul potenziale professionale delle lavoratrici e dei lavoratori della grande distribuzione commerciale, concentrarsi sulle nuove forme di organizzazione del lavoro e sulla formazione e aggiornamento professionale delle lavoratrici e dei lavoratori.
E’ il segretario nazionale della Fisascat Cisl Vicenzo Dell’Orefice, nell’intervento introduttivo ai lavori a sottolineare che "il lavoro nella Gdo non è solo capacità relazionale ma sempre di più avrà una insopprimibile componente di professionalità strettamente connessa alla capacità di spiegare il prodotto, agevolare l’esperienza di acquisto ed interagire con le nuove tecnologie applicate alla vendita". "Dal lavoro umano e dalla sua specifica e non riproducibile creatività capace di orientare un consumatore sempre più consapevole – ha aggiunto - dipenderà gran parte del successo delle esperienze commerciali presenti e future". Per il sindacalista «"l declino dell’iper non lascerà vuoti se si investirà in formazione continua e si investirà per tempo in formazione continua mirata alla riqualificazione dei lavoratori». «Già in occasione della formulazione unitaria delle piattaforme di rinnovo contrattuale la Fisascat Cisl si farà promotrice del diritto individuale alla formazione" ha poi aggiunto il sindacalista proponendo "la costituzione di un tavolo permanente con le parti economico-sociali con il coordinamento istituzionale del Mise, per monitorare la ristrutturazione in atto della rete commerciale ma anche per avere una visione complessiva delle politiche di settore".
Un invito accolto dal vice capo di Gabinetto del ministero dello Sviluppo Economico Giorgio Sorial che, nel ripercorrere l'evoluzione delle vertenze e delle crisi Auchan, Mercatone Uno e TuoDì, concorda sulla costituzione di un tavolo permanente di confronto partecipato dai vari stakeholder, rappresentanti dei lavoratori e delle imprese. "Ragionando sugli scenari futuri - ha dichiarato l'Ing. Sorial - ci sarà un ritorno al negozio di vicinato e di quartiere che si rifletterà non solo sulle modalità dei consumi ma soprattutto sullo stile di vita dei lavoratori". "In questo senso - ha concluso - la costituzione di un tavolo permanente permetterà di avere una completa percezione sulla trasformazione che sta investendo settore della distribuzione commerciale".
Sullo sfondo poi il tema della rappresentanza sindacale, con le recenti convenzioni siglate con l’Inps sulla misurazione certificata dalla rappresentatività, come anche la partita della revisione normativa sugli orari di apertura degli esercizi commerciali, con la recente ripresa delle audizioni alla Camera dei Deputati. Per il segretario confederale della Cisl Andrea Cuccello "resta prioritario anche nel comparto della distribuzione commerciale contrastare la contrattazione in dumping, essenziale in un settore altamente polverizzato del terziario privato, come anche intervenire fattivamente al dibattito sulla revisione del decreto sulle liberalizzazioni che negli ultimi anni, caratterizzati dalla crisi economica e dei consumi, non hanno prodotto i risultati sperati ma piuttosto favorito la precarizzazione dell’occupazione".
E’ il segretario generale della Fisascat Cisl Davide Guarini a rilanciare sul ruolo della contrattazione nazionale ed integrativa. «L’autonomia collettiva che si esercita per il tramite della contrattazione che tanto ha fatto per il settore distributivo in Italia è una opzione ancora valida ed attuale per modernizzare gli istituti contrattuali che rendono da un lato più efficienti e competitive le aziende e dall’altro migliorino le condizioni lavorative e di vita di quanti rappresentiamo». "In particolare le parti negoziali dovranno assumere l’ambizioso obiettivo di implementare le forme di coinvolgimento e di partecipazione dei lavoratori alle scelte strategiche delle imprese». «Solo scelte condivise dai lavoratori e non da questi subite – ha concluso – può consentire alle imprese della Gdo di rinsaldare l’imprescindibile rapporto che chi soprattutto vendita al dettaglio deve preservare con le comunità territoriali di riferimento".

Data articolo: Thu, 10 Oct 2019 15:11:50 +0200
News Categorie e Servizi
Ambiente. A Matera l'iniziativa della Fai Cisl 'Fai bella l'Italia'. Tra gli interventi quelli di Onofrio Rota, Don Ciotti, Angelo Colombini

Matera, 10 Ottobre 2019 - Si è svolto a Matera questa mattina l’evento “Fai Bella l’Italia”, organizzato dalla Fai Cisl. Durante la mattinata sono stati consegnati diversi riconoscimenti, assegnati dalla federazione ad alcune realtà che si sono dimostrate sensibili rispetto ai temi dell’ambiente e del lavoro. Sono stati premiati: Symbola, per l’iniziativa “l’Italia in 10 selfie”, Coldiretti, per “Campagna Amica, prodotti km zero”, il consorzio Co.Ge.Vo di Chioggia per la sostenibilità nel settore ittico, l’Istituto Comprensivo don Milani di Policoro, per il progetto “Lucania da aMARE”, Heineken per l’iniziativa “10.000 per l’Ambiente”, Acque Minerali San Benedetto per il polo di ricerca sulla sostenibilità. È stato inoltre premiato un lavoratore forestale di Stromboli, intervenuto durante l’eruzione del vulcano lo scorso luglio, portando in salvo molti turisti. Altri riconoscimenti sono stati ricevuti dalla band Grace N Kaos, autrice del brano “Nero” contro il caporalato e vincitrice del premio Amnesty International, da Valerio Rossi Albertini, ricercatore del CNR e divulgatore scientifico, e da Federica Gasbarro, attivista del movimento Fridays For Future Italia. 

Nel suo intervento di apertura, il segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota ha richiamato il Parlamento e il Governo a un impegno concreto per una “svolta green che metta al centro il mondo del lavoro”. Il leader della federazione agroalimentare e ambientale si è soffermato in particolare sul bisogno di realizzare la legge “salva mare”, per favorire l’immissione nell’economia circolare della plastica raccolta dai pescatori. Un’attenzione particolare è stata dedicata da Rota anche alla legge sul consumo di suolo: “Il settore primario – ha detto – è il più colpito dalle conseguenze dei cambiamenti climatici, nonché dalle sbagliate politiche che hanno portato a far sparire 50 Km quadrati di suolo agricolo all’anno, per questo vogliamo ribadire che ‘senza terra non c’è cibo’. Con questo motto chiediamo al premier Conte e al Ministro Costa di portare a conclusione l’iter parlamentare per una legge equilibrata, chiara, condivisa da tutte le parti sociali e da tutti i partiti, non è possibile che ancora non si trovi una sintesi”.
L’incontro, coordinato dal caporedattore centrale del TG1 Piero Damosso, ha visto la partecipazione di Don Luigi Ciotti, che ha sottolineato l’importanza di “liberare il concetto di bellezza da un’interpretazione esclusivamente estetica”: “La bellezza – ha detto – è la saldatura tra il bello e il giusto, e la prima forma di bellezza sta nelle relazioni armoniose con gli altri e con la terra che ci ospita. La relazione è l’essenza della vita, e a sua volta l’accoglienza è la vita che accoglie la vita, per questo è così importante”. Il fondatore di Libera ha anche richiamato l’attenzione su tre grandi povertà: “Quella che colpisce i poveri in generale, i migranti, e i giovani, con 2 milioni e 300 mila giovani che hanno studiato e non trovano lavoro. Una società che non si cura dei giovani non si cura del proprio avvenire. L’obiettivo non deve essere il reddito di dignità, ma il lavoro dignitoso per tutti”. Don Ciotti si è soffermato a lungo su quella che ha definito la “catastrofe ecologica”: “Lo sviluppo è tale solo se ancorato ai diritti, al progresso sociale; l’economia cresce solo se crescono la cultura e l’umanità. La persona è sempre un fine, non un mezzo”. “L’Enciclica di Papa Francesco – ha ammonito Don Ciotti – ci dice che lo sfruttamento della terra e la povertà sono un’unica crisi socio ambientale. Questo è il grande messaggio: tutto è connesso, tutti siamo coinvolti per fermare la prima estinzione di massa causata dall’uomo stesso. Davanti agli illeciti ambientali, che sono aumentati nel 2018, e davanti alle speculazioni delle mafie sulle filiere agroalimentari, è fondamentale mai scoraggiarsi. La politica riduca le distanze sociali e si lasci guidare dai bisogni delle persone”.
Ha concluso l’evento il Segretario confederale della Cisl Angelo Colombini: “Purtroppo – ha detto il sindacalista – dopo la seconda guerra mondiale l’urgenza nel nostro Paese e in tutto l’occidente era necessariamente quella di ricostruire e creare posti di lavoro, e le prospettive di sviluppo prive di sostenibilità hanno condotto alle conseguenze che oggi ben conosciamo. Oggi quella della sostenibilità è la vera sfida. Il primo ad alzare la voce su questi temi è stato nel 2015 Papa Francesco, che ha posto la questione ambientale come problema anzitutto educativo. Occorre oggi un nuovo umanesimo. Gli obiettivi dell’Onu – ha concluso Colombini – ci ricordano il bisogno di una transizione dal carbone alle energie rinnovabili: al sindacato il compito di porre la centralità della persona e accompagnare i lavoratori in questo passaggio epocale”.

Data articolo: Thu, 10 Oct 2019 13:51:10 +0200
News Categorie e Servizi
Contratti. Papotto (Cisl Medici): "Vogliamo che l’Italia ed il sistema sanitario siano ancora un punto di riferimento assoluto"

Roma, 10 Ottobre 2019 - "Nessuna categoria ha dovuto aspettare dieci anni per vedere qualche misero adeguamento retributivo e la Cisl Medici, dopo molte resistenze,  ha acconsentito a firmare  non certo per i lauti aumenti, ma solo perché c’erano evidenti miglioramenti in previsione riguardo ai giovani colleghi e altre novità positive" Così il Segretario generale della Cisl Medici, Biagio Papotto sull'annoso tema del rinnovo dei contratti.
"Come Cisl Medici - prosegue Papotto -  abbiamo la faccia tosta di rimarcare che il contratto appena firmato era già scaduto, che nella nota di aggiornamento al DEF ci sono risorse largamente insufficienti per i contratti, che gli sbandierati due miliardi in più sono solo la conferma di quanto doveva già esserci e che il Sistena Sanitario Nazionale ha assoluta di essere profondamente aiutato a risollevarsi, con robuste iniezioni di personale, in tutti i ruoli.
Devono essere rivisti i calcoli per il numero chiuso, per le scuole di specializzazione e devono sparire le miopi tendenze ai tagli lineari, al risparmio immediato ed effimero che può essere vantato sul momento, salvo poi far pagare “lacrime e sangue” a tutti i contribuenti quando le cose vanno inevitabilmente a finir male.
La CISL Medici ha predisposto lettere di richiesta d’incontro ai ministri competenti in tema di Salute, Funzione Pubblica e Affari Regionali. Andremo a spiegare le nostre idee, a chiedere rassicurazioni non solo economiche ma anche normative e di largo respiro, convinti come siamo che il sistema sanitario debba essere assolutamente universalistico e solidale, equilibrato su tutto il territorio nazionale, senza vacue “fughe in avanti” e rischiosi egoismi di politica locale.
Noi vogliamo tutto questo, Noi "Vogliamo che l’Italia e la sua sanità siano ancora un punto di riferimento assoluto. Nonostante i politici che evidentemente ancora non l’hanno capito" - copnclude Papotto.

Data articolo: Thu, 10 Oct 2019 08:36:06 +0200
News Categorie e Servizi
Scuola. Gissi e Furlan: "Pacta sunt servanda, si faccia un decreto che rispetta le intese"
Roma, 10 ottobre 2019 - “Ci attendiamo che il Consiglio dei Ministri di oggi vari i provvedimenti previsti dall’intesa fra Ministro dell’Istruzione e sindacati del 1° ottobre, rispettandone pienamente i contenuti”. Così Maddalena Gissi, segretaria generale della Federazione CISL Scuola, Università e Ricerca. “Non sarebbero comprensibili né accettabili – aggiunge - passi indietro rispetto a un accordo maturato dopo un confronto impegnativo su questioni complesse. L’obiettivo di dare giusto riconoscimento all’esperienza di lavoro maturata sul campo vale per tutti, quindi anche per il personale che per anni ha svolto compiti di direzione amministrativa permettendo un regolare funzionamento degli uffici di segreteria”. 
“Nessun passo indietro – conclude la Gissi -, casomai si provi a farne qualcuno in avanti, recuperando qualcuno dei punti sacrificati nella mediazione raggiunta”. Pieno appoggio alle dichiarazioni di Maddalena Gissi viene espresso dalla segretaria generale della CISL, Annamaria Furlan, che così afferma: “Pacta sunt servanda, un principio che vale in generale ed è alla base di corrette relazioni sindacali. Il mondo della scuola merita risposte concrete e urgenti. La CISL si attiene sempre con grande senso di responsabilità agli accordi, chiediamo che lo facciano anche il Governo e il Parlamento”.
 
 
Data articolo: Thu, 10 Oct 2019 08:00:16 +0200
News Categorie e Servizi
Metalmeccanici. Fim Cisl: "Whirpool. Ore decisive ma azienda ancora immobile, giocare a carte scoperte"

Roma, 09 ottobre, 2019 . Si è appena concluso l’incontro a Palazzo Chigi tra i segretari generali di Fim Fiom Uilm e il Presidente del consiglio Giuseppe Conte e il Ministro Stefano Patuanelli. Il Presidente del Consiglio ci ha comunicato che l’azienda non è stata convocata e che nella giornata di lunedì l’Ad Luigi La Morgia gli ha inviato una lettera e in copia al Ministro Patuanelli e al Presidente di Confindustria Boccia. Nella lettera la Whirlpool conferma che l’unica strada percorribile è la riconversione industriale e che è disponibile a sospendere la procedura ex art.47 ma per concludere il confronto entro e non oltre il 31 ottobre. Il Presidente dà atto della richiesta del 4 ottobre di Patuanelli di sospensione procedura trasferimento come precondizione per poter aprire il tavolo di confronto. Di fatto la procedura attuale scade il 12 ottobre con effetto dal 1 novembre. Pertanto l’apertura dimostrata dall’azienda è solo formale. Il Ministro Patuanelli ci ha comunicato che entro 24h incontrerà La Morgia e verificherà la consistenza del piano di riconversione. Il Presidente Conte ha detto che Whirlpool deve comunicarci quali siano gli ostacoli che impediscono il suo permanere a Napoli e rilanciare il sito. Secondo il Segretario Generale della Fim Cisl Marco Bentivogli: “Apprezziamo l’impegno del Governo e della valorizzazione della vertenza in un momento di stallo del confronto. Ci deve essere un momento in cui si guardano le carte. Ma l’azienda deve garantire maggiore affidabilità di quella mostrata fino ad ora. Bisogna dire all’azienda che ci vuole piú rispetto delle istituzioni, dei sindacati e dei lavoratori. Sono aree in cui chiudere le fabbriche è un regalo alla Camorra. Un presidio industriale è un presidio di legalità. Lì sono rimasti solo Whirlpool e Hitachi. Dal 2015 facciamo accordi impegnativi con questa azienda e dopo pochi mesi saltano sempre gli impegni presi. Alle 14 Alessandra Damiani e Biagio Trapani saranno a Napoli in assemblea.

Data articolo: Wed, 09 Oct 2019 13:56:21 +0200
News Categorie e Servizi
Trasporti. Fit Cisl: "Aggressioni tpl. Inaccettabile esclusione dei sindacati al Mit"
Roma, 9 ottobre 2019. “Inaccettabile”, così la Fit-Cisl bolla l’esclusione dei sindacati dalla riunione di domani convocata dal Ministero dei Trasporti sugli allestimenti per la sicurezza sugli autobus.“Ci fa specie - prosegue la Federazione dei trasporti cislina - che siano state convocate le Regioni, le Associazioni datoriali, le aziende costruttrici di autobus ma non i rappresentanti dei diretti interessati, cioè delle lavoratrici e dei lavoratori che continuano ad essere vittime, insieme ai passeggeri, di gravi eventi lesivi della loro sicurezza e della loro incolumità personale. La nostra organizzazione - prosegue la Fit-Cisl - ha molte proposte concrete da presentare in merito a tali allestimenti, come per esempio la dotazione di rilevamento satellitare su tutti i mezzi, i sistemi di chiamata di emergenza e video sorveglianza a circuito chiuso, l’adeguata protezione del posto guida attraverso porte anti-sfondamento e non solo.  Evidentemente questi accorgimenti sono una condizione necessaria ma non sufficiente e il ruolo del ministero dei Trasporti non può limitarsi a “definire  dotazioni e dispositivi”. Occorre agire di concerto e in raccordo con i ministeri dell’Interno e della Giustizia per mettere in campo sia misure preventive deterrenti, sia pene certe per chi commette questo genere di reati. Ribadiamo che il fenomeno delle aggressioni è stato ripreso nell’ambito della vertenza generale dei trasporti “Rimettiamo in movimento il Paese”, che abbiamo avviato come Fit-Cisl insieme a Filt-Cgil e Uiltrasporti e per la quale sollecitiamo una convocazione al Mit in tempi brevissimi, al fine di attivare un tavolo per affrontare e risolvere i mali del sistema dei trasporti italiano. Atteso che dal primo sciopero generale dei trasporti sono trascorsi più di due mesi ci auguriamo che la convocazione giunga prima che la vertenza sfoci in una seconda azione di sciopero”. Data articolo: Wed, 09 Oct 2019 13:54:34 +0200
News Categorie e Servizi
Consumatori. De Masi (Adiconsum Cisl): "Associazioni consumatori devono essere convocate a Tavolo Automotive"
Roma, 9 ottobre 2019.  Sorprende – dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale – il comunicato pubblicato sul sito del Ministero dello Sviluppo economico che annuncia per il prossimo 18 ottobre l’apertura del Tavolo Automotive, senza convocare le Associazioni Consumatori. Vogliamo sottolineare al Ministro Patuanelli – prosegue De Masi - che i consumatori sono direttamente coinvolti nella transizione dalla mobilità tradizionale a quella ecosostenibile, in quanto le scelte delle aziende automobilistiche ricadono direttamente sulle tasche dei consumatori. Ecco perché Adiconsum da anni si sta occupando della materia tant’è che è socia di Motus-E e fa parte del Comitato Scientifico di e_mob.Ricordiamo, inoltre, al Ministro – continua De Masi - che in più occasioni, ai precedenti Governi, abbiamo inviato le nostre posizioni sul tema, tanto che lo scorso anno le Associazioni Consumatori sono state convocate dall’allora Ministro dello Sviluppo Economico sulla questione degli ecobonus, e che nella recente “Conferenza nazionale della mobilità elettrica e_mob” dello scorso settembre, abbiamo consegnato nelle mani del Viceministro, Stefano Buffagni, la Petizione da noi lanciata, e tuttora in corso, “Accendere la mobilità elettrica per non spegnere il pianeta”, nella quale abbiamo individuato 3 punti che, a nostro avviso, sono necessari per attuare una mobilità sostenibile semplice e alla portata di tutti, al pari di quella tradizionale.Sollecitiamo, quindi, il Ministro Patuanelli – conclude De Masi – a porre rimedio subito a questa mancanza e di convocare al Tavolo previsto per il 18 ottobre prossimo anche le Associazioni Consumatori. Data articolo: Wed, 09 Oct 2019 12:20:46 +0200
News Categorie e Servizi
Mercatone Uno in amministrazione straordinaria, torna al Mise la vertenza dei 1860 lavoratori dei 55 negozi che hanno chiuso i battenti

Roma, 8 ottobre 2019 – Torna al ministero dello Sviluppo Economico la vertenza dei 1860 lavoratori ex Mercatone Uno. Al tavolo ministeriale, a più riprese sollecitato dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs per assicurare maggiori garanzie di trasparenza, presenti il Gruppo Mercatone Uno in Amministrazione Straordinaria ed i rappresentanti delle Regioni Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria e Veneto. Si avvicina intanto la scadenza del 31 ottobre per la presentazione delle offerte vincolanti per l’acquisto dell’intero o di parte del perimetro del compendio aziendale mentre le operazioni di cessione dovranno chiudersi perentoriamente entro il 31 dicembre 2019.
Per la Fisascat Cisl resta essenziale ripristinare corrette relazioni sindacali e concordare una azione congiunta finalizzata ad affrontare la grave condizione reddituale dei lavoratori allo stato in cassa integrazione a zero ore - in media a 400 euro mensili - rapportata all’orario di lavoro, ridotto nella fase di cessione alla Shernon Holding a fronte delle garanzie occupazionali fornite dalla direzione societaria. Prioritario anche superare lo stallo sull’attivazione delle politiche attive a livello regionale con la necessaria revisione delle modalità di coinvolgimento degli attori coinvolti, allo stato impossibilitati a procedere. Sullo sfondo anche la situazione dei 10mila dipendenti delle aziende fornitori in attesa di essere pagate e l’utenza che non ha ricevuto la merce già saldata.
«Il nostro auspicio - ha dichiarato la segretaria nazionale della Fisascat Cisl Aurora Blanca - è quello di una supervisione istituzionale che sappia innanzitutto risolvere la grave condizione reddituale degli addetti, per i quali oggi è necessario ripristinare l’orario di lavoro precedente alla vendita a Shernon Holding e consentire la rimodulazione della Cigs, e, a poco più di un mese dalla conclusione ipotizzata per la ricerca di possibili acquirenti, individuare una soluzione sul destino dei 55 negozi».

Data articolo: Tue, 08 Oct 2019 09:53:21 +0200
News Categorie e Servizi
World day for Decent Work 2019. “Investing in care for gender equality”, la Fisascat Cisl aderisce all’iniziativa della Confederazione Internazionale dei Sindacati Ituc.

Roma, 7 ottobre 2019 – Adesione convinta della Fisascat Cisl alla giornata mondiale della mobilitazione per il lavoro decente 2019 promossa dalla confederazione internazionale dei sindacati ITUC, quest’anno dedicata al lavoro di cura e assistenza alla persona, settore significativamente sottovalutato e caratterizzato da precarie condizioni salariali in tutto il globo e, in Italia, anche dalla irregolarità dei rapporti di lavoro e dalla mancata applicazione delle tutele e dei diritti garantiti dalla contrattazione esistente.
Per la categoria cislina si tratta di un fenomeno da contrastare, quello del lavoro nero e sommerso, anche considerate le previsioni di invecchiamento demografico che collocano proprio l’Italia tra i paesi più longevi al mondo - con una aspettativa di vita che supera gli 84 anni e un rapporto tra over 65 e 15enni stimato dalla Società Italiana Pediatria a 270 su 100 nei prossimi 20 anni della popolazione – dove aumenta esponenzialmente la richiesta dei servizi di cura e assistenza alla persona e dove presumibilmente ci sarà un fabbisogno aggiuntivo di lavoro specializzato. In Italia l’assistenza alle persone bisognose di cure evidenzia che oltre a 2 milioni di badanti, a fronte di 850mila regolarizzati, ci sono oltre 5 milioni di caregiver familiari, persone che si occupano direttamente degli anziani e dei non autosufficienti, ad alto rischio di pratiche elusive e in gran parte immigrati.
«L’azione del sindacato in Italia è finalizzata non solo a favorire l’accesso ai servizi di cura e assistenza, attraverso l’introduzione della long term care nei contratti di lavoro destinando parte della retribuzione alla costruzione di sistemi dedicati, ma è orientata anche a migliorare le condizioni di lavoro di chi opera in questo comparto sempre più essenziale per il nostro Paese destinato ad invecchiare nei prossimi decenni, e garantire dunque salari decenti e la sostenibilità dell’occupazione» ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Cisl Davide Guarini.
«In questo senso esprimiamo la nostra forte perplessità sulla ipotesi paventata nella manovra di Bilancio 2020 di trasformare le famiglie, datori di lavoro domestico, in sostituti d'imposta, concepita come una stretta sul lavoro, ma che rischia di tradursi in costi per le famiglie che stanno già sopperendo alla riduzione del welfare pubblico» ha aggiunto il sindacalista suggerendo invece «un sistema di deduzione dei costi per le famiglie». «Crediamo sia urgente e necessario – ha concluso il sindacalista – che il Governo insieme ai competenti ministeri del Lavoro e dell’Economia diano il via ad un confronto con le Parti Sociali per definire piuttosto azioni strutturali di supporto alle famiglie di un comparto che nei prossimi anni sarà essenziale per la tenuta sociale del nostro Paese».

Data articolo: Mon, 07 Oct 2019 10:08:03 +0200
News Categorie e Servizi
Whirlpool. Bentivogli (Fim Cisl): "sospendere subito cessione, mercoledì da Conte"

Roma, 4 ottobre 2019 - Oltre duemila lavoratori provenienti da tutti i siti Whirlpool d’Italia hanno manifestato per le strade di Roma contro la chiusura del sito di Napoli, annunciata dalla multinazionale americana del bianco.
Nell’incontro che si è da poco concluso con il Ministero dello Sviluppo Economico con il Ministro Patuanelli, il Ministro ha dichiarato che il Ministero in questi mesi ha fatto il possibile per mandare avanti la trattativa ma la condizione è che Whirlpool si sieda al tavolo senza pregiudiziali. Ha fatto inoltre sapere che la prossima settimana, mercoledì 9 ottobre, il Presidente del Consiglio vuole incontrare i Segretari generali di Fim, Fiom, e Uilm come segnale di attenzione per questa vertenza e per lavoratori.
Whirlpool inoltre - ha riferito il Ministro - ha fatto sapere che intende concordare le modalità per riaprire il tavolo di trattativa.
Per il Segretario generale Fim Cisl Marco Bentivogli in questa vertenza sono cambiati i gruppi dirigenti ma lo stile e le modalità sono sempre le stesse, anche nel 2015 avevamo costruito un accordo che prevedeva qualche sacrificio ma salvaguardava l’impegno industriale nel nostro Paese. L’azienda fa ricorso da anni ad ammortizzatori sociali quindi si poteva lavorare con più serietà nella gestione di questa crisi. Come Fim, Fiom e Uilm sulle riconversioni non ci siamo mai girati dall’altra parte, ma va fatto con serietà e con un piano industriale solido. Whirlpool ha già mostrato con vertenza Embraco scarsa serietà.
Per questo anche la discussione sulla riconversione è assolutamente falsata. Oggi però abbiamo la necessità di dare una risposta ai lavoratori, in particolare su articolo 47 bisogna che faccia un passo indietro.

Data articolo: Fri, 04 Oct 2019 14:49:38 +0200
News Categorie e Servizi
Istruzione. Gissi (Cisl Scuola): "Solidarietà a Fioramonti come persona e cittadino, come ministro valuteremo atti politici"

Roma, 4 ottobre 2019 - Tra i fondamenti di una civile convivenza ci sono, insieme alla libertà di espressione e di stampa, anche il diritto a vedere rispettata e tutelata la sfera della vita privata. Nel caso che ha coinvolto in questi giorni il ministro Fioramonti, chiamato in causa da un giornale per affermazioni da lui postate qualche anno fa sul suo profilo social, quell’ambito è stato violato nel modo più riprovevole, essendo stato invaso senza alcun riguardo quello degli affetti familiari più stretti. A Lorenzo Fioramonti, in quanto persona e cittadino, esprimiamo tutta la nostra solidarietà.
Prendiamo atto, peraltro, della sua presa di distanza, sollecitata da più parti e certamente opportuna, da affermazioni di cui ha ritenuto di doversi scusare.
Su un piano diverso e distinto si colloca per noi la valutazione del suo operato come Ministro dell’Istruzione, valutazione che per quanto ci riguarda discenderà dagli atti che vorrà produrre per dare attuazione, nell’immediato e in prospettiva, agli impegni assunti nell’intesa del 1° ottobre su reclutamento e precariato, e più in generale per dare seguito alla dichiarata volontà di rilanciare una forte politica di investimento in istruzione e ricerca, a partire dal necessario stanziamento di risorse per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro."

Data articolo: Fri, 04 Oct 2019 14:47:58 +0200
News Categorie e Servizi
Agroalimentare. “Fai bella l’Italia”, a Matera l’evento della Fai Cisl su agroalimentare e ambiente

Roma, 4 ottobre 2019 - Sostenere le categorie del lavoro agroalimentare e ambientale, i comportamenti virtuosi di imprese e cittadini, la green economy: è racchiuso in queste tre tematiche il senso del meeting “Fai Bella l’Italia”, che si terrà a Matera, nella celebre Casa Cava, giovedì 10 ottobre, dalle 9,30. Organizzata dalla Fai, la federazione agroalimentare e ambientale della Cisl, insieme alla propria Fondazione Fai Cisl - Studi e Ricerche, l’iniziativa vedrà circa 500 partecipanti tra studiosi e rappresentanti di istituzioni, sindacati, associazioni datoriali, imprese, terzo settore.
“Dopo la prima edizione, svolta a Napoli nel 2018, nella quale abbiamo lanciato il nostro Manifesto per il lavoro agroalimentare e ambientale - annuncia il Segretario Generale della Fai Cisl Onofrio Rota - quest’anno abbiamo deciso di dedicare l’iniziativa al lavoro come leva dello sviluppo sostenibile e della tutela ambientale; è fondamentale che le battaglie del sindacato per il lavoro ben contrattualizzato e dignitoso, contro il dumping sociale, la concorrenza sleale, si uniscano alle sfide di una vera svolta green su scala nazionale e globale, che produca buoni posti di lavoro e non lasci indietro nessuno”.
Durante la mattinata saranno consegnati diversi riconoscimenti, assegnati dalla federazione ad alcune realtà che in vario modo si sono dimostrate sensibili rispetto ai temi dell’ambiente e del lavoro: aziende, associazioni, singoli cittadini, che negli ultimi anni hanno saputo essere particolarmente virtuosi sotto il profilo della sostenibilità ambientale, della divulgazione scientifica, della qualità del lavoro, della valorizzazione del territorio, dell’affermazione della legalità. Tra le realtà che riceveranno il riconoscimento sono previsti: Symbola, per l’iniziativa “l’Italia in 10 selfie”, Coldiretti, per “Campagna Amica, prodotti km zero”, il consorzio Co.Ge.Vo di Chioggia per la sostenibilità nel settore ittico, l’Istituto Comprensivo don Milani di Policoro, per il progetto “Lucania da aMARE”, Heineken per l’iniziativa “10.000 per l’Ambiente”, Acque Minerali San Benedetto per il polo di ricerca sulla sostenibilità. Saranno premiati anche un lavoratore forestale di Stromboli, intervenuto durante l’eruzione del vulcano lo scorso luglio, portando in salvo molti turisti, la band Grace N Kaos, autrice del brano “Nero” contro il caporalato e vincitrice del premio Amnesty International, Valerio Rossi Albertini, ricercatore del CNR e divulgatore scientifico, e Federica Gasbarro, unica delegata italiana al vertice ONU sul clima e attivista del movimento Friday For Future Italia.
L’incontro, coordinato dal caporedattore centrale del TG1 Piero Damosso, sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook della Fai Cisl nazionale. Sono previsti gli interventi di Don Luigi Ciotti, Presidente e fondatore di Libera, e di rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali. Le conclusioni saranno affidate al Segretario Confederale della Cisl nazionale Angelo Colombini.
In mattinata, prima dei lavori, il Segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota, insieme a Federica Gasbarro, attivista di Friday For Future Italia, si recheranno nel giardino dell’Istituto Comprensivo Giovanni Pascoli di Matera, dove insieme agli studenti delle scuole materne, elementari e medie pianteranno due ulivi, piante sempreverdi e simbolo di pace, come gesto simbolico di compensazione delle emissioni di anidride carbonica dovute alla mobilità necessaria per la realizzazione dell’evento.
Nei pomeriggi del 9 e 10 ottobre, presso l’Hotel San Domenico, il sindacato presenterà anche i risultati di un progetto europeo cofinanziato dalla Commissione Europea sui lavoratori migranti in agricoltura.
Alle ore 19, nella Cava del Sole, la Fai Cisl ha organizzato inoltre la rappresentazione dal titolo “Il Delegato”, spettacolo teatrale tratto dal libro “Dialogo tra generazioni. Sul ruolo del delegato”, di Ludovico Ferro. [Marker]È possibile partecipare gratuitamente allo spettacolo registrandosi al link [ fcp://@fc.cisl.it,%231010687/Mailbox/_blank//www.eventbrite.it/e/biglietti-il-delegato-spettacolo-teatrale-74804358851 ]https://www.eventbrite.it/e/biglietti-il-delegato-spettacolo-teatrale-74804358851.

Data articolo: Fri, 04 Oct 2019 14:46:42 +0200
News Categorie e Servizi
Sicurezza. Trieste. Mannone (Fns Cisl): "Cordoglio a familiari poliziotti. Garantire certezza della pena"

Roma, 4 ottobre 2019 - “Esprimiamo i nostri sentimenti di vicinanza e di sentito cordoglio ai familiari dei due poliziotti uccisi davanti alla Questura a Trieste”. Lo dichiara Il Segretario della Fns, la Federazione Nazionale della Sicurezza della Cisl, Pompeo Mannone. “Bisogna sanzionare con condanne celeri e soprattutto garantire la certezza della pena per contribuire a prevenire queste continue aggressioni spesso mortali da parte di balordi nei confronti delle Forze dell’ordine”.

Data articolo: Fri, 04 Oct 2019 13:44:40 +0200

Le notizie sul lavoro, ricerca lavoro e pensioni

Offerte lavoro, concorsi, bandi

Offerte lavoro su Adecco Annunci offerte lavoro da repubblica.it News lavoro da livesicilia.it Offerte lavoro da cercolavoro.com News offerte lavoro professionearchitetto.it Concorsi presso Corpo VV. Fuoco News offerte lavoro cliclavoro.gov.it News cliclavoro.gov.it News lavoro concorsi.it Offerte lavoro da jobannunci.com Offerte lavoro da infojobs.it News da biancolavoro.it News da informagiovaniroma.it

Notizie da INPS e notizie sulla Pubblica Amministrazione

Comunicati stampa INPS News INPS

Video tutor INPS youtube News per gli amanti delle action figures Ultimi aggiornamenti da INPS News circolari INPS News Sentenze lavoro da INPS News raggiungere età pensione News da cgiamestre.com News sul lavoro da dati.gov.it News Ministero lavoro e politiche sociali

News formez.it(Governo)

Aspetti normativi del lavoro per imprese: diritto, previdenza, sicurezza

News pensionioggi.it News da Agronotizie

News sicurezza sul lavoro da quotidiano sicurezza.it News da lavorofisco.it

Diritto lavoro da Studio Cataldi

I sindacati

News primo piano da cisl.it Notizie da cisl.it Comunicati stampa da cisl.it Notizie dal territorio da cisl.it

Scioperi e vertenze (CGIL) Salute e sicurezza nel lavoro (CGIL) Contratti e accordi (CGIL)

News interventi sul territorio (CGIL) News welfare e previdenza CGIL Tutte le notizie da CGIL News recensioni action figures News per gli amanti delle action figures