NEWS - lavoro - NEWS - ricerca lavoro - NEWS pensioni

figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna in pre-order
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

Notizie varie da cisl.it

#lavoro #sindacato #notizievarie #cisl.it

News Categorie e Servizi
Auchan/Conad. Margherita Distribuzione presenta ai sindacati il piano di gestione dell’esubero del personale di sede. Si prospetta la cigs per i dipendenti di 113 negozi della rete vendita

Roma, 14 febbraio 2020 – Sono complessivamente 9.671 i lavoratori di Margherita Distribuzione (ex Auchan) per i quali è aperto il confronto in sede sindacale tra la direzione societaria e le federazioni di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs. Mentre per 8.873 lavoratori di 113 negozi della rete vendita si prospetta il ricorso alla Cigs - con la espressa richiesta di parte aziendale di avvio del confronto al ministero del Lavoro finalizzato alla concessione dello strumento di sostegno al reddito conservativo fino al 31 dicembre 2020 - nella misura media massima di circa il 60% dell’organico impiegato (salvo le figure non fungibili), prosegue la fase amministrativa sulla procedura di licenziamento collettivo avviata da Margherita Distribuzione S.p.A. per il personale delle strutture operative ed organizzative della sede centrale di Rozzano e delle sedi periferiche di Ancona, Roncadelle, Vicenza, Offagna, Roma e Catania.
Margherita Distribuzione ha proposto ai sindacati di sviluppare un confronto su un pacchetto articolato di interventi utili a gestire l’esubero, nel frattempo ridotto a 798 unità, dislocato presso le direzioni franchising logistica presidio regioni, amministrazione del personale, ufficio efficacia, finanza e patrimonio, innovazione marketing, performance, staff presidenza, prodotti, risorse umane e progetti speciali. La proposta societaria contempla un piano di riqualificazione e ricollocazione, un piano di mobilità su base volontaria ed incentivata (da 17mila a 37 mila euro), oltre a strumenti di sostegno al reddito e all’occupazione, un piano di pensionamento e prepensionamento, percorsi di outplacement, percorsi correlati all’attivazione di politiche attive per il lavoro e percorsi di imprenditorialità individuale.
La Fisascat Cisl, presente al tavolo con il segretario nazionale Vincenzo Dell’Orefice, ritiene di fondamentale importanza finalizzare la trattativa già in occasione del prossimo incontro - calendarizzato per il 22 febbraio a Bologna - su quelle parti del percorso che sono rimaste in ombra. «Nel corso del confronto – ha dichiarato Dell’Orefice - l’attenzione di chi rappresenta l’azienda si è focalizzata sulla sola incentivazione all’esodo e sul ricorso alla Cigs e poco o nulla è stato riferito alle organizzazioni sindacali in relazione agli altri strumenti contemplati dal piano di gestione esuberi».
Per il sindacalista «sarà fondamentale dare corpo ai generici impegni e alle non meglio specificate disponibilità da parte dell’azienda a dare vita ad un serio percorso finalizzato alla ricollocazione del personale». Per Dell’Orefice «è indubbio che il successo dell’intera acquisizione del gruppo Auchan oltre che del piano di gestione degli esuberi dipenda da un coerente insieme di soluzioni che consenta di salvaguardare il lavoro per coloro i quali non dovessero accedere all’incentivo all’esodo». Per il sindacalista «l’offerta economica formulata dall’azienda, per essere effettivamente un congruo strumento gestionale, dovrà essere debitamente ripresa ed incrementata». «Infatti - ha aggiunto - se si vuole effettivamente offrire in particolar modo ai lavoratori che difficilmente potrebbero essere ricollocati in Conad o in terzi soggetti interessati ad acquisire parte della rete vendita, occorrerà rendere l’incentivo economico effettivamente allettante per chi dovrà cambiare radicalmente i propri progetti professionali e di vita».
«Per la Fisascat Cisl – ha poi chiosato Dell’Orefice - ci sono tutte le condizioni affinchè un serio e serrato confronto sul merito dia le risposte che i lavoratori si aspettano. Per la categoria cislina resta da chiarire un elemento non secondario rispetto al potenziale esito della vertenza: il tempo». «Infatti se un serio piano di gestione degli esuberi può dispiegarsi in un arco temporale ragionevole è fuor di dubbio che occorrerà comprendere come le parti impegnate in questa complessa trattativa riusciranno ad individuare degli elementi di continuità successivi al 31 gennaio 2020 per disporre di strumenti utili a ricollocare i dipendenti di Margherita Distribuzione».
Dell’Orefice si è poi espresso sulla richiesta formalizzata da Margherita Distribuzione sull’avvio del confronto in sede ministeriale sull’accesso alla Cigs. «In attesa della convocazione presso il Mise ha dichiarato - valgono le stesse valutazioni che riguardano il personale di sede: ogni piano di gestione degli esuberi, se prevede il ricorso agli ammortizzatori sociali conservativi, è un piano destinato a fallire in quanto nella ratio della norma di riferimento la gestione dell’esubero dovrebbe avere quale primario ed imprescindibile scopo la ricollocazione e in maniera accessoria la risoluzione incentivata del rapporto».
«Per la Fisascat Cisl pertanto – ha evidenziato il sindacalista - occorrerà stabilire criteri omogenei per stabilire condizioni trasparenti finalizzati alla ricollocazione soprattutto presso la rete Conad del personale della rete commerciale che, prevalentemente a seguito della riduzione di superfice degli ipermercati e dei superstore dovessero essere considerati in esubero».
«La presenza capillare di Conad per il tramite dei suoi consorziati e delle cooperative di sistema - ha concluso il sindacalista - dovrebbe essere il valore aggiunto capace di ricomporre in un quadro di continuità la filiera delle professionalità espresse dai lavoratori ex Auchan e Sma. Non ci rassegniamo a credere che non sia un obiettivo alla portata del primo operatore della grande distribuzione organizzata in Italia garantire la continuità occupazionale a chi rischia il posto di lavoro».

Data articolo: Fri, 14 Feb 2020 16:19:45 +0100
News Categorie e Servizi
Unicredit. First Cisl: toni più dialoganti, assunzioni fondamentali

Roma, 14 febbraio 2020 - “Se Unicredit pensa che ci siamo seduti al tavolo per fare da spettatori si sbaglia di grosso. Oggi l’azienda si è limitata a comunicarci che intende programmare incontri a cadenza settimanale ogni mercoledì e giovedì per trovare un accordo entro la scadenza della procedura, prevista per il 31 marzo. Ha mostrato però un atteggiamento più dialogante rispetto ai toni intimidatori della lettera che ci ha inviato. Un atteggiamento che in ogni caso stride con la decisione di avviare la chiusura di 62 filiali senza alcun confronto con i sindacati. Di certo noi non ci accontentiamo delle belle parole di Mustier sulla responsabilità sociale. Valuteremo sulla base dei fatti quali sono le vere intenzioni di Unicredit”. A dichiararlo dopo l’incontro che si è svolto a Roma tra i sindacati dei bancari e i vertici di Unicredit è Mauro Incletolli, segretario nazionale di First Cisl.

“Le nostre condizioni – aggiunge Incletolli – restano chiare: almeno un’assunzione ogni due uscite, altrimenti la trattativa non comincia neppure. E’ fondamentale inoltre che le nuove assunzioni siano distribuite con equità sul territorio nazionale perché non accetteremo che il Sud venga penalizzato ancora”.

“Quanto alla pretesa di derogare all’articolo 2103 del codice civile in materia di trasferimenti e assetto inquadramentale e retributivo – avverte Inclettolli - Unicredit si scordi di fare ricorso a demansionamenti e a mobilità selvaggia perché incontrerà la nostra totale opposizione ad ogni forma di destrutturazione del lavoro bancario. Per questo pretendiamo dati certi sulla rete My Agent, sul numero dei lavoratori coinvolti e sui compiti loro attribuiti, per evitare che dietro al rispetto formale delle norme si nascondano forme di falso lavoro autonomo. Finora – conclude Incletolli - l’unica strategia di Mustier è stata la compressione dei costi, ma basta leggere il bilancio presentato pochi giorni fa per capire che da tagliare non c’è più nulla”.

 

Data articolo: Fri, 14 Feb 2020 14:33:22 +0100
News Categorie e Servizi
Maserati. Bentivogli e Apetino (Fim Cisl): "Partono i nuovi modelli, buone notizie per i lavoratori di Torino, Cassino e Modena, anche il Governo si muova"

Roma, 14 febbraio 2020 - Oggi sono stati annunciati i piani di sviluppo e produzione elettrificata della gamma prodotti, che Maserati svilupperà e produrrà in Italia con diversi sistemi di propulsione elettrica e ibrida. I primi modelli ad iniziare la produzione saranno il Maserati Gran Turismo e Gran Cabrio nel polo produttivo di Mirafiori ( Torino ), con un investimento di circa 800 milioni di euro.
Sia la Gran Turismo che la Gran Cabrio, saranno le prime vetture ad essere prodotte full electric.
In arrivo anche un nuovo suv Maserati presso lo stabilimento F.C.A. Cassino che assieme alla produzione di Alfa Romeo Giulia e Stelvio, aumenterà la capacità produttiva del sito di Piedimonte S. Germano. I lavori prenderanno al via entro il 2020 con un investimento di circa 800 milioni.
Novità importante anche per lo stabilimento Maserati di Modena, dove sarà prodotta la nuova Super sportiva del Tridente della quale sarà disponibile anche la variante elettrica.
La notizia di oggi conferma quanto annunciato dal CEO Pietro Gorlier nel corso dell’incontro con le organizzazioni sindacali tenutosi il 20 Dicembre 2019 a Torino.
Una notizia positiva importante per i lavoratori di Mirafiori, Modena e Cassino, e per tutte le aziende dell’indotto collegate ad FCA; notizia che getta le basi per un futuro industriale occupazionale più solido dopo i tanti mesi di ammortizzatori sociali.
È necessario che gli investimenti sul settore auto da parte di FCA, siano accompagnati altrettanto da politiche da parte del Governo Nazionale che favoriscano lo sviluppo industriale del settore auto verso l’elettrificazione.
È fondamentale che il Governo italiano accompagni la fase della transizione verso ibrido ed elettrico con un piano di investimenti pubblico sulla rete e le infrastrutture, altrimenti si rischia il collasso delle aziende legate al settore. Senza una visione e una politica industriale, la transizione vedrà solo una riduzione dell’occupazione perché incapaci di intercettare sulle nuove occasioni industriali nell’ecosistema della nuova mobilità su cui si sta rapidamente muovendo tutto il mondo.

Data articolo: Fri, 14 Feb 2020 14:21:28 +0100
News Categorie e Servizi
Air Italy. Mascia (Fit Cisl): "Crisi annunciata e sottovalutata"

Roma, 11 febbraio 2020 – “Siamo di fronte all’ennesima crisi annunciata del trasporto aereo italiano. Perciò in queste ore assistiamo a una sequela di lacrime di coccodrillo”. Così dichiara Monica Mascia, Segretaria nazionale della Fit-Cisl.
“La lettera che l’azienda ha inviato oggi ai suoi dipendenti - prosegue Mascia – annuncia la liquidazione della società stessa.
Ma noi da oltre un anno stiamo mettendo in evidenza i problemi di Air Italy e il loro aggravamento, per cui la reazione tardiva delle istituzioni per situazioni note non può che sorprenderci. A giugno 2019 abbiamo varato la piattaforma “Rimettiamo in movimento il Paese” che, tra gli altri temi, affronta i problemi di tutto il trasporto aereo italiano e avanza proposte per risolverli. Tuttavia siamo rimasti inascoltati dal precedente e dall’attuale Governo. Tutti hanno sottovalutato le problematiche e la prova provata di ciò è che, nonostante le nostre reiterate sollecitazioni, il legislatore ha ignorato la nostra proposta di rendere stabile il Fondo di solidarietà del trasporto aereo, che è chiamato al capezzale delle innumerevoli aziende in crisi”.
“Ora – conclude la Segretaria nazionale – ci aspettiamo la convocazione urgente della stessa Air Italy e dei Ministeri dei Trasporti, del Lavoro e dello Sviluppo economico per fare insieme tutto quanto non si è voluto fare finora per le lavoratrici e i lavoratori, per l’azienda, per il settore e per garantire la mobilità dei cittadini”.

Data articolo: Tue, 11 Feb 2020 17:06:29 +0100
News Categorie e Servizi
Terziario. Irideos, siglato il primo contratto integrativo per i 400 dipendenti del polo italiano dell’Ict. Diritti e nuove tutele accompagnano lo sviluppo di impresa

Roma, 11 febbraio 2020 – C’è intesa sul primo contratto integrativo applicato agli oltre 400 dipendenti di Irideos, il polo italiano dell’Ict dedicato alle aziende ed alla Pubblica Amministrazione presente a Milano, Trento, Verona, Firenze, Siena e Roma con 14 data center iperconnessi. I sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno siglato con la direzione aziendale l’ipotesi di accordo, ora sottoposta alla consultazione dei lavoratori, in vigore fino al 31 dicembre 2022.
Sulla parte normativa l’intesa, che consolida le relazioni sindacali ai livelli nazionale e territoriale, introduce in via sperimentale l’istituto dello smart working con l’obiettivo di favorire la conciliazione vita lavoro e di accrescere la produttività aziendale, contempla il ricorso all’istituto della banca delle ore solidali – in compartecipazione con l’impresa - in caso di comprovata e grave necessità dei lavoratori e definisce misure ad hoc per le vittime di violenza di genere anche attraverso l’ausilio di una Commissione paritetica appositamente costituita.
L’accordo definisce l’orario di lavoro e i turni di lavoro per i turnisti contemplando anche la maggiorazione del 50% per il lavoro svolto nel turno notturno e nelle festività oltre all’indennità di € 22,00 per ogni domenica di effettiva attività prestata. Il contratto prevede l’istituto complementare della reperibilità con il riconoscimento di trattamenti retributivi specifici e differenziati; al personale reperibile saranno garantiti dei riposi compensativi.
Sulla malattia, quale condizione di miglior favore per la vigenza contrattuale, l’azienda conferma il riconoscimento del periodo di carenza al 100% indipendentemente dal numero degli eventi oltre ad un numero massimo di 12 ore di permesso retribuito su base annua per visita medica specialistica. Dal 26 marzo 2020 i ticket restaurant verranno erogati in formato elettronico ed avranno un valore nominale di € 7.
Sul trattamento economico l’intesa introduce ex novo un sistema premiante - fino a 1000 € per il 2020 - basato su indicatori collettivi facilmente misurabili con facoltà di conversione in prestazioni di welfare sostitutive messe a disposizione dall’azienda.
Soddisfazione in casa sindacale. In un comunicato congiunto Filcams Cgil Fisascat Cisl e Uiltucs hanno espresso “una valutazione altamente positiva dell’intesa” affermando che “la contrattazione deve essere tra gli elementi che mirano al miglioramento del clima aziendale attraverso misure che incontrano le esigenze dei lavoratori e quelle imprenditoriali, con il principio di inclusività, integrazione e partecipazione, alimentando l’elemento fiduciario e trasparenza tra le parti”. Le tre sigle in particolare sottolineano il “modello di relazioni industriali ben definito, sia sui temi sia sulla tempistica, con il quale si dà atto che la partecipazione dei lavoratori sia imprescindibile per il raggiungimento dei risultati inseriti nell’ambizioso piano industriale triennale”.

Data articolo: Tue, 11 Feb 2020 14:52:07 +0100
News Categorie e Servizi
Edili. Produzione industriale, Macale (Filca Cisl): “Da rilancio costruzioni benefici per tutta l’economia”

Roma, 11 febbraio 2020 - “In attesa di conoscere il dato di dicembre sulla produzione nelle costruzioni, che l’Istat diffonderà giovedì 20, prendiamo atto della difficile situazione della produzione industriale. Il calo del 4,3% su base annua è un campanello d’allarme che non può lasciarci indifferenti e che sarebbe da irresponsabili sottovalutare. La soluzione per risalire la china c’è, e la ripetiamo da anni: si investa nelle costruzioni. Si provveda a far partire i cantieri, o a completare le opere ferme”. Lo dichiara Stefano Macale, segretario nazionale Filca-Cisl. “Il comparto – spiega - ha il merito di essere anticiclico e di mettere in moto una quarantina di altri settori, con effetti benefici per tutta l’economia nazionale. Le risorse per le opere sono già state stanziate, ma ci sono ritardi inaccettabili per il loro reale utilizzo. Che la colpa sia della burocrazia, o della incapacità della Pubblica amministrazione, il governo ha una sola cosa da fare: passare dagli annunci ai fatti e provvedere a rimettere in moto l’edilizia, che negli anni della crisi ha perso 800 mila posti di lavoro e ha visto chiudere 120 mila imprese. Un settore che continua nel suo declino, come ha certificato l’Istat nell’ultima rilevazione, con una perdita a novembre 2019 del 4% sul mese precedente. La disponibilità registrata dai ministri De Micheli e Patuanelli – conclude Macale - si trasformi subito in azioni drastiche e condivise, in linea con le richieste che abbiamo avanzato per un rilancio del settore che valorizzi occupazione, qualità, salari, tutele”.

Data articolo: Tue, 11 Feb 2020 13:11:46 +0100
News Categorie e Servizi
Consumatori. Adiconsum (Cisl): "Safer internet day 2020. Consigli su come navigare in internet in sicurezza"

Roma, 11 febbraio 2020 - Navigare in Rete è divertente, è un’opportunità, permette di espandere i propri orizzonti e fin qui tutto bene. Il problema vero è un altro: i consumatori navigano in internet in sicurezza? Tutelano efficacemente i propri dati?In occasione del Safer Internet Day 2020, Adiconsum ha pubblicato 3 brevi guide di consigli su come navigare in maniera protetta in internet, come usare correttamente i social e come scaricare in sicurezza un’app. Consigli Adiconsum sulla navigazione in internet ●Mantieni protetto il tuo pc, usando aggiornamenti automatici, firewall, antivirus e antispam ●Utilizza password sicure (con più di 8 caratteri con lettere maiuscole, minuscole e numeri). Non usare la stessa password per siti diversi. Custodiscile al sicuro ●      Non conservare i tuoi dati riservati personali (carta d‘identità, foto di bancomat e carte di credito e di foglietti con password, ecc.) sul computer, ma solo su supporti rimovibili (es. hard disk esterno, pen drive, ecc.) ●Non visitare siti compromessi. Verifica gli indicatori di sicurezza della pagina (la scritta https e il simbolo del lucchetto) ●Non accettare “cookie” in grado di tracciare il tuo profilo, a meno che non sia strettamente necessario ●Chiediti se il servizio a cui vuoi accedere, in cambio della disponibilità dei tuoi dati, sia così importante da barattarli. Consigli Adiconsum sull’uso dei social ●Controlla le impostazioni relative alla privacy del social ●Prima di postare PENSA e SELEZIONA quello che vuoi realmente pubblicare o condividere. Non pubblicare nulla di personale o riservato! Consigli Adiconsum su come installare un’App ●Scarica l’App solo dagli store ufficiali (Google Play per i sistemi Android e App Store per i macOS). In questo modo puoi limitare che i malware infettino il tuo smartphone. Puoi anche disattivare, dalle impostazioni del telefono, la possibilità di installare App da altri store ●Verifica chi è lo sviluppatore e scarica App solo da quelli affidabili, dando un’occhiata all’elenco delle App che hanno pubblicato e ai loro riferimenti di contatto ●Leggi le recensioni degli altri per testarne la validità ●Leggi bene le caratteristiche dell’app che ti accingi a scaricare. Il suo funzionamento potrebbe essere diverso dalle tue necessità o diverso da quelle che avevi compreso ●Verifica quali informazioni sono necessarie per il suo funzionamento. A seconda dei casi, infatti, dovrai accettare di condividere qualcosa per farla funzionare. Ad esempio, se devi installare un’app che deve fungere da navigatore, ti verrà richiesto l’utilizzo della tua posizione GPS, che dovrai condividere, ma è chiaro che se l’applicazione nel corso della sua installazione ti richiede l’accesso alla tua rubrica dei contatti telefonici, devi cliccare su NO!    Adiconsum è sempre attiva sul tema della sicurezza, privacy e digitalizzazione. Ecco tutte le iniziative e i progetti che l’associazione svolge a favore del consumatore su questo importante tema. Il Progetto "Peers 2 Peers Say NO" Il tema della corretta navigazione in internet non è solo una questione di sicurezza, ma anche di legalità, che si insegna a partire dalla scuola. Il progetto “Peers 2 Peers Say NO” in materia di educazione alla difesa della Proprietà Intellettuale, rivolto ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie, è la prosecuzione del progetto “Peers Say NO” partito con l’anno scolastico 2018-2019 : è focalizzato sulla lotta alla pirateria e alla contraffazione. Il progetto gode del patrocinio del MIUR ed è finanziato dalla Commissione Europea. E’ svolto da Adiconsum e dall’Agenzia di stampa Dire.it.

Data articolo: Tue, 11 Feb 2020 09:53:51 +0100
News Categorie e Servizi
Metalmeccanici. D'Alò (Fim Cisl): "Fincantieri. Accelerare sul ribaltamento a mare per Genova, è già passato troppo tempo"
Roma, 10 febbraio  2020. Tre giorni in Liguria, per la Fim Cisl nazionale in visita ai vari cantieri e siti del gruppo Fincantieri. L’azienda ha nella regione una presenza storica con  cantieri navali sia per la produzione di navi militari che civili, oltre alla presenza delle sedi di via Cipro a Genova Orizzonte Sistemi Navali e Cetena. Quello delle navi Militari è la divisione più presente con due cantieri, Muggiano 580 addetti, Riva Trigoso 480 addetti, e una sede Via Cipro a Genova per la progettazione dove si lavora in collaborazione con Cetena e OSN. La divisione civile è presente a Sestri Ponente con 700 addetti per la produzione di navi da crociera fino a 110.000 tonnellate. “Il gruppo Fincantieri per la Liguria - hanno dichiarato Valerio D’Alò e Mauro Masci rispettivamente Segretario nazionale Fim Cisl e coordinatore nazionale del gruppo Fincantieri - oltre al centro di ricerca del CETENA, a Sestri Ponente, rappresentato un’eccellenza dell’industria italiana che va sostenuta attraverso le opportune infrastrutture necessarie al rendere sostenibile e competitiva la produzione navale, per questo è di fondamentale importanza accelerale la realizzazione del ribaltamento a mare, per cui sono già stati stanziati 480 milioni euro e di cui si aspetta ormai da troppo tempo la realizzazione. L’opera, quando sarà completata  permetterà la costruzione di navi da crociera fino a 170.000 tonnellate, dando una spinta positiva oltre che al Gruppo all’intero territorio Genovese in termini di occupazione e crescita. L’opera andrebbe ad impattare in maniera positiva anche sulle condizioni di sicurezza dei lavoratori migliorando la logistica e lo svolgimento delle operazioni in cantiere. Auspichiamo in una spinta positiva da parte di tutti i soggetti coinvolti - locali e nazionali - perché la burocrazia non vanifichi un investimento di tale portata.”                                                         Data articolo: Tue, 11 Feb 2020 09:24:34 +0100
News Categorie e Servizi
Banche. Colombani (First Cisl): "Unicredit. Senza assunzioni non trattiamo"

Roma, 10 febbraio 2020. “Mentre annuncia l’aumento dei dividendi agli azionisti Unicredit si presenta ai sindacati con la richiesta di tagliare 450 sportelli e 6mila lavoratori. Anche se sono stati i lavoratori, con i loro sacrifici, a consentire alla banca di superare la crisi e tornare a macinare utili, come dimostrano i conti resi noti la settimana scorsa. Avevamo detto a dicembre, in occasione della presentazione del piano industriale, che la strategia di Mustier era incentrata su un sostanziale disimpegno dall’Italia: non siamo stati smentiti”. Questo il commento del segretario generale di First Cisl Riccardo Colombani alle lettera di apertura della procedura inviata oggi da Unicredit ai sindacati. “Un taglio di queste dimensioni – aggiunge Colombani – penalizza gravemente la presenza della banca sul territorio  e minaccia di disperdere il patrimonio di relazioni con la clientela. Al contrario, c’è bisogno di rafforzare le competenze dei lavoratori perché siano in grado di svolgere al meglio i servizi di consulenza. Servono investimenti, non nuovi tagli, a cominciare dalle tecnologie digitali, il cui impiego, come dimostrato dal nostro studio, non determina riduzione dell’occupazione, a meno che questo non sia il fine perseguito dalle aziende”. Per Colombani, inoltre, “deve essere chiaro che non siamo disposti a discutere di esuberi se contemporaneamente non si parlerà anche di assunzioni. La nostra richiesta è che ogni due uscite sia prevista almeno un’assunzione”.

Data articolo: Mon, 10 Feb 2020 17:02:11 +0100
News Categorie e Servizi
Agroalimentare. Manovra, Fai Cisl: bene tavoli su plastic e sugar tax, Governo apra confronto

Roma, 7 febbraio 2020 - “L’annuncio dell’apertura, in tempi rapidi, di tavoli di confronto con imprese e parti sociali su plastic e sugar tax, è per noi una buona notizia: si tratta di tasse che così come concepite nella Manovra 2020 possono davvero causare enormi danni a lavoratori e imprese”.
Lo afferma in una nota il segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, commentando quanto annunciato oggi dal Sottosegretario Antonio Misiani, nel corso della discussione del decreto milleproroghe nelle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera, a proposito della volontà, da parte del governo, di verificare ulteriormente gli effetti che deriveranno dall’entrata in vigore delle tasse su plastica e zucchero.
“Quel che adesso riteniamo più importante – aggiunge il leader della federazione agroalimentare e ambientale della Cisl – è che i tavoli non siano trasformati in rituali celebrativi per poter prendere tempo, ma in concreti luoghi di confronto, tra tutti gli stakeholder, per prendere misure a favore di una transizione green che non lasci indietro nessuno”.

Data articolo: Fri, 07 Feb 2020 11:47:00 +0100
News Categorie e Servizi
Gruppo Piaggio. Fim Cisl: al via assemblee su integrativo. Aprire tavolo ministeriale su rivoluzione mobilità due ruote

Roma, 6 febbraio 2020 - Si stanno tenendo in questi giorni le assemblee in tutti gli stabilimenti del Gruppo dopo la firma dell’ipotesi d’accorso sottoscritta tra le organizzazioni sindacali e il Gruppo Piaggio a fine gennaio presso l’Unione industriali di Pisa.

Per il coordinatore nazionale del Gruppo Raffaele Apetino: “l’intesa siglata unitariamente dopo 11 anni e arrivata dopo due anni di confronto: è importante perché coinvolge integralmente gli oltre 3000 lavoratori di tutto il gruppo Piaggio. E’ la prima volta nella storia del Gruppo, che si arriva ad un accordo integrativo che tiene dentro tutti i siti e i brand di Piaggio compresi i siti di Aprilia e Guzzi. L’ipotesi che stiamo illustrando in questi giorni ai lavoratori prevede un premio che può arrivare fino a 3000 euro in un anno ed è legato agli obiettivi di qualità e redditività degli stabilimenti, con una quota mensile di 120 euro per il 2020 erogata come anticipo, 140 per il 2021 e 155 euro per il 2022 ed una erogazione eccezionale di circa 400 euro ad aprile di quest’anno. Ma anche importanti miglioramenti sul piano normativo e formativo.
Dopo i passaggi assembleari e l’approvazione dell’intesa da parte dei lavoratori, sarà necessario che l’azienda prosegua sulla strada degli investimenti, per affrontare e gestire la rivoluzione in atto nella mobilità a due-ruote.
La sfida dell’elettrico e della digitalizzazione investirà inevitabilmente anche il settore dei motocicli, rivoluzionando la mobilità a due ruote. Una rivoluzione che va gestita con anticipo. In questo senso, invitiamo il Governo ad aprire un tavolo ministeriale sulle prospettive dell’industria delle due ruote, un settore in forte evoluzione e che storicamente ha rappresentato una fetta importante della nostra industria e del Made in Italy.

Data articolo: Thu, 06 Feb 2020 16:45:20 +0100
News Categorie e Servizi
Trasporti. Treno deragliato: Sindacati: inaccettabile quanto successo

Roma, 6 febbraio 2020 – “La notizia della perdita di due macchinisti e del ferimento di due membri dell’equipaggio e di 25 passeggeri ci addolora profondamente. Esprimiamo vicinanza e cordoglio alle famiglie dei due macchinisti deceduti e auguriamo pronta guarigione ai membri dell’equipaggio e ai passeggeri feriti”, così dichiarano Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Fast-Confsal, Ugl Taf e Orsa in merito al deragliamento avvenuto stamattina alle 5.30 del treno ad alta velocità 9595 partito alle 5.10 da Milano e diretto a Salerno.
“È terribile – proseguono le organizzazioni sindacali – che facendo correttamente, diligentemente e con professionalità e passione il proprio lavoro si possa perdere la vita ed è ancor di più inaccettabile quando questi eventi si verificano in un sistema tra i più avanzati a livello mondiale dal punto di vista della sicurezza.
Siamo stati già convocati dal gruppo Fs domani alle 12 e vogliamo capire, per quanto sarà possibile, la dinamica dell’incidente, dopodiché avvieremo tutte le iniziative del caso”.
Concludono Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Fast-Confsal, Ugl Taf e Orsa: “In considerazione dell’estrema gravità dell’incidente e nel rispetto delle vite umane domani ci sarà uno sciopero di due ore di tutti i ferrovieri dipendenti da tutte le aziende di settore operanti sulla rete nazionale e locale a partire dalle 12 ai sensi della vigente normativa in materia.
Come sempre la famiglia dei ferrovieri si stringe ed è solidale con i familiari delle vittime”.

Data articolo: Thu, 06 Feb 2020 09:42:46 +0100
News Categorie e Servizi
Metalmeccanici. Bentivogli (Fim Cisl): "Ex-Merloni J.P. Annuncio 345 esuberi inaccettabile. Governo intervenga subito"

    Roma, 4 febbraio 2020. Inaccettabile quanto emerso dall’incontro tenutosi oggi presso la sede J.P. di Fabriano  tra le organizzazioni sindacali Fim, Fiom, Uilm e l’azienda,  rispetto alla presentazione del piano di ristrutturazione nella procedura di concordato dell'ex Antonio Merloni, che oggi ha annunciato, per bocca del presidente  Giovanni Porcarelli,  su un totale di 595 lavoratrici e lavoratori dei siti ex-Antonio Merloni  di Fabriano nelle Marche e quello di Colle Nocera in Umbria, 345 esuberi. Un piano che rispingiamo al mittente, questa vertenza si trascina ormai da troppo tempo era il  2008,  dopo l’uscita dall’amministrazione straordinaria con l’acquisizione nel 2012 della J.P. di  Giovanni Porcarelli l’azienda viene subito bloccata per l’impugnativa delle banche che vantavano crediti dai Merloni, questo ha  bloccato per diverso tempo il Piano di rilancio industriale presentato da Porcarelli. Oltre all’impugnativa delle banche, che si è trascinata in tutti questi anni fino al terzo grado di giudizio,  si è aggiunta poi la mancanza di credito da parte delle banche necessaria a J.P. per avviare l’attività industriale. Mentre l’accordo di programma che era stato sottoscritto dalle Regioni Umbria e Marche che prevedeva importanti risorse finanziare per il Piano industriale e la Ricerca e Sviluppo non è mai partito. Oggi dopo che a fine anno è stata fatta la richiesta di proroga di 60 giorni per la presentazione del piano di ristrutturazione nella procedura di concordato dell'ex Antonio Merloni ci troviamo davanti ad un nulla di fatto, con un piano irricevibile e senza prospettive di un partner industriale credile A fare  le spese di questa vicenda sono le 595  lavoratrici e lavoratori, che tra il sito di Fabriano nelle Marche e quello di Colle Nocera in Umbria,  dal 2012 aspettano una soluzione lavorativa e industriale che si allontana sempre più,  col rischio che vengano meno anche gli ammortizzatori.  E’ inaccettabile. Chiediamo al Governo e al ministro Patuanelli di intervenire il tempo è scaduto e la situazione rischia di essere, ogni giorno che passa, sempre più irreversibile.                                     

Data articolo: Wed, 05 Feb 2020 16:53:25 +0100
News Categorie e Servizi
Istruzione. Sindacati: "Chiesto incontro urgente al ministro Boccia. Salvaguardare il carattere nazionale e unitario del sistema di istruzione"
Roma, 5 febbraio 2020. I segretari generali dei cinque maggiori sindacati del comparto Istruzione e Ricerca hanno chiesto un incontro urgente al ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, riguardo ai contenuti del disegno di legge che lo stesso Ministro ha presentato in materia di autonomia differenziata. "È nostra convinzione - scrivono nella lettera Sinopoli, Gissi, Turi, Serafini e Di Meglio - che il carattere unitario e nazionale del sistema scolastico pubblico vada pienamente salvaguardato perché rispondente a una corretta interpretazione del dettato costituzionale, e che pertanto l’istruzione debba considerarsi materia esclusa da ogni eventuale progetto di rafforzamento delle competenze regionali". La richiesta di incontro nasce anche, affermano i segretari generali, dalla convinzione che occorra dare maggiore ampiezza alla discussione su un tema di evidente interesse generale, tenendo nella giusta considerazione il contributo che possono dare anche soggetti largamente rappresentativi del mondo della scuola, dell'Università e della Ricerca. Data articolo: Wed, 05 Feb 2020 16:51:26 +0100
News Categorie e Servizi
Consumatori. Fondo Consap mutui prima casa, Adiconsum scrive al Ministero dell’Economia e delle Finanze per chiederne il rifinanziamento

4 febbraio 2020 - Il Fondo di garanzia per i mutui prima casa gestito dalla Consap, la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici, è uno strumento molto importante per le famiglie. A dimostrarlo ci sono i numeri che dal 2015 al 2019 parlano di 174.367 istanze presentate, di cui ben 155.000 sono state ammesse al finanziamento con l’erogazione di mutui da parte del sistema bancario. Altro dato a testimonianza della positiva ripercussione di tale misura, è che circa il 60% dei richiedenti sono giovani nella fascia di età compresa tra 20-35 anni.

La Consap, in una nota, ha comunicato che alla luce dell’andamento delle richieste presentate finora, le attuali risorse dovrebbero bastare per tutto il primo semestre 2020 o comunque fino ad esaurimento, salvo eventuali rifinanziamenti.

Ecco perché come Adiconsum abbiamo inviato una lettera al Ministero dell’Economia e delle Finanze chiedendo di sostenere tale strumento rifinanziando il Fondo prima dell’esaurimento di dette risorse.

Data articolo: Tue, 04 Feb 2020 14:16:32 +0100

Le notizie sul lavoro, ricerca lavoro e pensioni

Offerte lavoro, concorsi, bandi

Offerte lavoro su Adecco Annunci offerte lavoro da repubblica.it News lavoro da livesicilia.it Offerte lavoro da cercolavoro.com News offerte lavoro professionearchitetto.it Concorsi presso Corpo VV. Fuoco News offerte lavoro cliclavoro.gov.it News cliclavoro.gov.it News concorsi pubblici da CGIL News lavoro concorsi.it Offerte lavoro da jobannunci.com Offerte lavoro da infojobs.it News da biancolavoro.it News da informagiovaniroma.it

Notizie da INPS e notizie sulla Pubblica Amministrazione

Comunicati stampa INPS News INPS Video tutor INPS youtube News per gli amanti delle action figures Ultimi aggiornamenti da INPS News circolari INPS News Sentenze lavoro da INPS News raggiungere età pensione News da cgiamestre.com News sul lavoro da dati.gov.it News Ministero lavoro e politiche sociali News formez.it(Governo)

Aspetti normativi del lavoro per imprese: diritto, previdenza, sicurezza

News pensionioggi.it News da Agronotizie Sicurezza sul lavoro da sicurezza.it News da lavorofisco.it Diritto lavoro da Studio Cataldi

I sindacati

News primo piano da cisl.it Notizie da cisl.it Comunicati stampa da cisl.it Notizie dal territorio da cisl.it Scioperi e vertenze (CGIL) Salute e sicurezza nel lavoro (CGIL) Contratti e accordi (CGIL) News interventi sul territorio (CGIL) News welfare e previdenza CGIL Tutte le notizie da CGIL News recensioni action figures News per gli amanti delle action figures