Coronavirus, la mappa del contagio nel mondo

NEWS - lavoro - NEWS - ricerca lavoro - NEWS pensioni

figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna in pre-order
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

Notizie varie da cisl.it

#lavoro #sindacato #notizievarie #cisl.it

News Categorie e Servizi
Metalmeccanici. Fim Cisl: "Jabil. Ritirati i licenziamenti. Ulteriori 5 settimane di Cig ma necessario subito continuare percorso per garantire futuro occupazionale ai lavoratori"

Roma, 3 giugno 2020. Oggi si è tenuto in call conference l’incontro tra le organizzazioni sindacali, il Ministro Nunzia Catalfo, l’assessore regionale al Lavoro Sonia Palmeri e la Jabil in riferimento alla decisione della direzione aziendale di procedere al licenziamento di 190 lavoratori. Il negoziato è stato ripreso dopo oltre 7 giorni di stop e con le lettere di licenziamento in atto ma l’importante è stato trovare un punto d’intesa per mettere al riparo i 540 lavoratori del sito di Jabil. Abbiamo respinto sin da subito la decisione scellerata della multinazionale americana, in un contesto così delicato per il paese e per il Sud. È stato importante il supporto ricevuto dall’Assessore Palmeri e dal Ministro Catalfo che si sono insieme a noi adoperate con l’azienda per evitare un dramma sociale di dimensioni inimmaginabili. Con la giornata di oggi si è raggiunta un’intesa che non è la soluzione definitiva alla vertenza la quale necessita in tempi rapidi di ulteriori momenti di confronto in sede Ministeriale affinché si continui a lavorare insieme a Governo, Regione Campania e Sindacato per garantire un futuro occupazionale ai circa 540 lavoratori del sito di Caserta. Come Fim Cisl riteniamo che le soluzioni trovate siano state necessarie per la tutela dei lavoratori del sito di Caserta e che il percorso di ricollocazione verso altre aziende debba passare assolutamente attraverso opportunità di lavoro certe e stabili al fine di mettere in sicurezza i lavoratori e le loro famiglie

Data articolo: Wed, 03 Jun 2020 15:08:48 +0200
News Categorie e Servizi
Agroalimentare. Fai Cisl: "Fai bella l'Italia". Seconda giornata Per la cura dell'ambiente"

Roma, 3 giugno 2020. Con la seconda Giornata nazionale per la Cura dell’Ambiente, la federazione agroalimentare e ambientale della Cisl rilancia la campagna “Fai Bella l’Italia” assieme alla Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche e a Terra Viva - Associazione Liberi Produttori Agricoli.
Sono già tante le iniziative in corso di svolgimento su tutto il territorio nazionale, da parte di segretari e operatori sindacali, cittadini e famiglie, per la pulizia e il recupero di spiagge, parchi pubblici, aree di interesse storico e artistico. Domani 4 giugno anche il Segretario Generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, parteciperà a un’iniziativa organizzata dalla Fai Cisl Lazio. L’appuntamento è nel Comune di Viterbo, località Acqua Rossa, dalle 10 del mattino.
“La salvaguardia del territorio e del patrimonio paesaggistico sono per noi prioritari”, spiega il Segretario Generale della Fai Cisl Lazio, Claudio Tomarelli: “Abbiamo scelto di recuperare il sito di Acqua Rossa, nell’area archeologica di Ferento, la cui fondazione risale a prima degli Etruschi e con tracce che risalgono al neolitico: un modo per sensibilizzare la cittadinanza e la politica nazionale e locale verso la difesa dell’ambiente e dell’immenso tesoro che si trova nella nostra regione”.
Parteciperanno all’iniziativa anche il Sindaco di Viterbo Giovanni Arena, il Segretario Generale della Cisl Viterbo Fortunato Mannino, dirigenti della Fai Cisl Viterbo e una delegazione di lavoratori.
“Il recupero dei territori in abbandono e la valorizzazione del nostro patrimonio storico e paesaggistico”, afferma Onofrio Rota, “sono strettamente intrecciati con le sfide per l’ambiente, per guardare a un nuovo modello di sviluppo, che sia da leva per la transizione green della nostra economia e spinga la ripartenza del Paese a partire dalle nostre filiere agroalimentari e ambientali”.
Insieme alle iniziative sul territorio e a un sondaggio lanciato online, la Fai Cisl ha organizzato, in occasione del 5 giugno, Giornata Mondiale per l’Ambiente, un webinar che sarà trasmesso alle 15 sulla pagina Facebook della federazione. Oltre a Onofrio Rota, parteciperanno Ermete Realacci, presidente di Symbola, Valerio Rossi Albertini, ricercatore e divulgatore scientifico del Cnr, Roberto Morassut, Sottosegretario al Ministero dell’Ambiente; concluderà l’incontro Annamaria Furlan, Segretaria Generale della Cisl.

 

Data articolo: Wed, 03 Jun 2020 12:59:19 +0200
News Categorie e Servizi
Scuola. Sindacati: "Sciopero l’8 giugno per tornare a scuola in sicurezza, nessuna revoca"

Roma, 3 giugno 2020. Lo sciopero di tutto il personale scolastico proclamato per lunedì 8 giugno è confermato e si svolgerà regolarmente. I sindacati hanno inviato alla Commissione di Garanzia una nota nella quale, oltre a confermare le motivazioni dello sciopero e la data dell’8 giugno per la sua effettuazione, spiegano le ragioni per le quali, a scuole chiuse, vengono meno a loro parere i motivi alla base dell’obbligo di preavviso di 15 giorni, legati esclusivamente alla necessità di comunicare alle famiglie quali livelli di servizio si preveda di poter erogare, anche sotto il profilo della custodia e vigilanza sui minori. Non essendovi oggi questa esigenza, che sussiste unicamente per la scuola, i sindacati ritengono sufficiente il preavviso di dieci giorni previsto in via generale per i pubblici servizi.

Lo sciopero resta pertanto confermato e riguarderà, per l’intera giornata, personale docente, educativo, ATA e Dirigenti Scolastici.

Data articolo: Wed, 03 Jun 2020 12:20:53 +0200
News Categorie e Servizi
Terziario. Guarini (Fisascat Cisl): "Rivalutare scelte di deregolamentazione orari e aperture commerciali"

Roma, 2 giugno 2020 - «Passata la fase della prima emergenza, contestualmente al progressivo ritorno alla normalità, crediamo ci siano le condizioni per rivalutare scelte di deregolamentazione degli orari e delle aperture commerciali che in epoche recenti hanno avuto esclusivamente come risultato l’espandersi della crisi di interi format e una emorragia occupazionale molto seria che sarà complicato recuperare». Così il segretario generale della Fisascat Cisl Davide Guarini, alla vigilia della festività civile del 2 giugno, rilancia sulla revisione del quadro legislativo in tema di orari e aperture commerciali.

«Il ritorno alla normalità deve necessariamente indurre a un equilibrato intervento normativo volto a ricondurre a condizioni maggiormente accettabili il sacrificio del lavoro domenicale e festivo per gli addetti del commercio e della grande distribuzione organizzata» ha aggiunto il sindacalista sottolineando che «il modello che propugna zero regole in tema di aperture e orari, oltre ad essere inadeguato a garantire condizioni accettabili di vita e di lavoro per le lavoratrici e i lavoratori, ha rappresentato in questi anni esclusivamente un moltiplicatore di costi di struttura ed ha prodotto, per corollario, chiusure e crisi occupazionali».
«La Fisascat Cisl è convita che un altro servizio di vendita è possibile» ha rimarcato Guarini evidenziando che «occorre conciliare bisogni ed esigenze dei consumatori e il diritto ad una vita sociale e relazionale normale degli addetti che vi operano». «Assumere atteggiamenti ideologici pro aperture selvagge piuttosto che negare che l’evoluzione delle abitudini di spesa possano comportare una diversa articolazione delle prestazioni lavorative non serve» ha stigmatizzato.
«Sul tema degli orari e delle aperture domenicali e festive e delle condizioni di lavoro in tali giornate è auspicabile che tutte le parti coinvolte, a partire dai sindacati e dalle imprese fino al decisore politico, assumano orientamenti pragmatici e finalizzati a ricercare il migliore equilibrio fra interessi che pur non essendo antitetici sono obiettivamente contrapposti» ha poi sottolineato il sindacalista.
«Il risultato a cui tendere non deve essere la vittoria assoluta di un punto di vista sulle ragioni degli altri ma un compromesso che riesca a contemperare le esigenze di produttività delle aziende ed il diritto dei lavoratori del commercio e della grande distribuzione organizzata – ha concluso - ad una congrua astensione periodica dal lavoro nelle giornate festive e domenicali per la vita di relazione».

Data articolo: Tue, 02 Jun 2020 08:36:04 +0200
News Categorie e Servizi
Trasporti. Sindacati: "Anas. De Micheli ci convochi su problematiche dell’azienda"

Roma, 2 giugno 2020. “Abbiamo scritto oggi alla Ministra dei Trasporti De Micheli chiedendo un incontro urgente su Anas, a seguito del recente incontro tenutosi con l’Amministratore Delegato Simonini e in relazione alle problematiche rappresentateci in tale occasione”. Ne danno notizia Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uil PA spiegando che: “Vogliamo conoscere le prospettive della società, attualmente ricompresa nel gruppo Fs, e in particolare, in tale ambito, lo stato di attuazione del processo di fuoriuscita della medesima dal perimetro della P.A. Vogliamo parimenti conoscere il quadro programmatico degli interventi predisposti e delle relative risorse economiche, anche in occasione della revisione del contratto di programma quinquennale, per consentire alla società di assicurare i propri compiti istituzionali, anche considerando che Anas, come noto, è interessata da un rilevante incremento della rete viaria nazionale, a seguito del rientro sotto la sua competenza di numerose strade precedentemente gestite dagli enti locali ma senza il trasferimento delle conseguenti risorse umane, strumentali ed economiche”.

Data articolo: Tue, 02 Jun 2020 08:32:24 +0200
News Categorie e Servizi
Metalmeccanici. Bentivogli (Fim Cisl): " Whirlpool. Dopo un anno di lotta e di speranza, Ministro Patuanelli ci riconvochi al tavolo di confronto e si rimetta in gioco Invitalia"

Roma, 2 giugno 2020. Si rischia di arrivare all’autunno senza una soluzione. L’azienda non ha ancora fornito la contabilità come richiesto anche da Invitalia. Il piano industriale di Napoli si è rivelato fallimentare ed anche questa è una responsabilità del gruppo.

Essere ancora qui dopo un anno e dopo la grande manifestazione dello scorso ottobre significa che nessuno ha gettato la spugna. Ringraziamo i lavoratori del sito di Napoli poiché è fondamentale mostrarsi uniti tra stabilimenti. 

Il Ministro Patuanelli ci riporti al tavolo di confronto e si richiami in gioco Invitalia giacché è dal 29 gennaio 2020 che il Mise non propone soluzioni.

Dopo l’emergenza coronavirus e dopo aver compreso che di burocrazia si muore, assistiamo ancora ad atteggiamenti irresponsabili! 

Ricordiamo, ora è sempre, che chiudere uno stabilimento al Sud è fare un regalo alla criminalità organizzata.

Data articolo: Tue, 02 Jun 2020 08:27:16 +0200
News Categorie e Servizi
Scuola. Tavolo di conciliazione, sindacati: "risposte insoddisfacenti da parte del Ministero, servono investimenti straordinari, non piccoli aggiustamenti. Sciopero l'8 giugno"

29 Maggio 2020 - Si è svolto oggi in videoconferenza l’incontro col Ministero dell’Istruzione per il tentativo di conciliazione chiesto dai sindacati a seguito della proclamazione dello stato di agitazione. L’incontro, presieduto dal Capo di Gabinetto, Dott. Luigi Fiorentino, ha lasciato del tutto insoddisfatte le organizzazioni sindacali che l’avevano richiesto, rappresentate dai loro segretari generali.
"Eccezion fatta per l’aggiornamento delle graduatorie dei supplenti, proposta che aveva già trovato risposta risolutiva nel testo di conversione del Decreto Scuola approvato nei giorni scorsi dal Senato, su tutte le altre questioni esposte nella lettera inviata per il tentativo di conciliazione le Organizzazioni Sindacali hanno dovuto prendere atto della totale assenza di precisi impegni da parte dell’Amministrazione" sottolineano  Francesco Sinopoli (Flc CGIL), Maddalena Gissi (CISL Scuola), Giuseppe Turi (UIL Scuola Rua), Elvira Serafini (SNALS Confsal), Rino Di Meglio (GILDA Unams) in una nota congiunta che così prosegue:
"In modo particolare, nessuna disponibilità rispetto alla richiesta di un potenziamento degli organici del personale docente e ATA, la cui necessità è resa evidente dai contenuti del documento con cui il Comitato Tecnico Scientifico indica le misure indispensabili per un riavvio in sicurezza delle attività in presenza, fissando parametri di distanziamento che imporranno un’articolazione del lavoro su gruppi ridotti di alunni. Tale documento, nel fornire un dettagliato quadro della situazione di cui si dovrà tenere conto nel programmare la riapertura delle scuole dal prossimo settembre, alla luce di tutte le precauzioni da adottare per prevenire rischi di contagio, ha reso ancor più evidente l’insufficienza delle risorse destinate al sistema d’istruzione per fronteggiare l’emergenza; per consentire di far fronte all’accresciuto fabbisogno di docenti e collaboratori scolastici, oltre che alla necessaria dotazione di materiali igienico sanitari e di DPI per alunni e personale, occorre infatti prevedere un loro sostanzioso incremento. Se davvero si vuol tornare in sicurezza alle attività in presenza, non bastano piccoli aggiustamenti, servono investimenti straordinari.
Ugualmente non accolte, nell’incontro di oggi, tutte le richieste avanzate dai sindacati: garantire il rigoroso rispetto del limite di 20 alunni per classe in caso di presenza di allievi con disabilità, rivedere almeno nella presente emergenza i parametri per il dimensionamento delle istituzioni scolastiche, provvedere alla messa in sicurezza degli edifici, promuovere modifiche normative che sottraggano i Dirigenti Scolastici da responsabilità improprie in merito alla manutenzione degli edifici, incrementare le risorse del FUN per la Dirigenza, prevedere un concorso riservato agli assistenti amministrativi facenti funzione di DSGA. Tutto ciò si aggiunge alla mancata attuazione degli impegni che avrebbero consentito a molti precari con almeno tre anni di servizio una stabilizzazione del rapporto di lavoro già il prossimo settembre, così come non vi è alcuna certezza sulle risorse da destinare al rinnovo del Contratto per il triennio 2019-21.
Dall’esito totalmente negativo del tentativo di conciliazione consegue la decisione dei sindacati di indire lo sciopero di tutto il personale della scuola statale per l’intera giornata di lunedì 8 giugno. È una decisione assunta nella piena consapevolezza del carattere straordinario della situazione in cui la scuola si trova costretta a operare, in un contesto di generale emergenza per l’intera collettività, nel quale tuttavia sono emersi con ancor più evidenza ritardi e carenze da cui il nostro sistema è afflitto per la mancanza di un adeguato livello di investimento, evidenziato più volte negli ultimi anni nelle indagini e nei confronti internazionali. Proprio per questo si fa oggi ancor più pressante la necessità di ridare a istruzione e formazione la dovuta centralità nelle scelte politiche, perché il superamento dell’attuale emergenza, con un ritorno in piena sicurezza alle attività in presenza, segni anche per il sistema scolastico un momento importante di rinnovamento e di crescita.
È forte il timore per la riapertura delle scuole, mancando ad oggi un progetto chiaro e ben definito sulle modalità con cui tornare all’attività didattica in presenza. Il personale della scuola ha dato in questi mesi una grande prova di responsabilità, senso civico, passione per il proprio lavoro: non possono essere queste le uniche risorse su cui far conto, è il momento che faccia fino in fondo la sua parte chi ha la responsabilità di governare il Paese".

Data articolo: Fri, 29 May 2020 17:18:46 +0200
News Categorie e Servizi
Agroalimentare, regolarizzazione migranti: il viceministro Mauri incontra Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil

Roma, 29 maggio 2020 - Si è svolto ieri un incontro tra Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil e il Viceministro dell’Interno, On. Matteo Mauri, sulla norma per la regolarizzazione dei migranti. “Esprimiamo soddisfazione per il provvedimento che sottolinea un’inversione di tendenza rispetto alle politiche degli ultimi anni in materia di immigrazione. La norma prevista nel Decreto Rilancio rappresenta un primo passo importante, è una norma di civiltà orientata alla legalità ed alla dignità dei lavoratori occupati nei comparti indicati”.
Lo dichiarano in una nota unitaria le segreterie nazionali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil.
“Tuttavia, proprio per le molteplici finalità che intende realizzare la norma (emersione dal lavoro nero e regolarizzazione dei migranti clandestini) il chiarimento di alcuni aspetti di merito delle modalità applicative risultano essere essenziali per evitare confusione e speculazioni da parte di faccendieri, caporali e aziende compiacenti che determinerebbero una ulteriore destrutturazione del mercato del lavoro agricolo e fenomeni di sfruttamento dei lavoratori agricoli. Inoltre, la norma può davvero dispiegare i suoi effetti positivi solo se la platea a cui si rivolge viene ampliata, a cominciare da coloro il cui permesso di soggiorno è scaduto prima del 30 ottobre 2019”.
Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, pertanto, dopo aver evidenziato alcuni elementi di criticità presenti nel decreto, hanno avanzato una serie di proposte che, se recepite nelle successive fasi attuative del decreto, favoriranno un percorso di regolarizzazione più trasparente e più agevole per i lavoratori interessati.
“Apprezziamo la disponibilità del Viceministro ad accogliere favorevolmente le nostre osservazioni volte a migliorare la norma, soprattutto in merito a una attivazione di controlli mirati per evitare manipolazioni e interpretazioni arbitrarie della stessa, nonché eventuali raggiri ai danni dei lavoratori”.

Data articolo: Fri, 29 May 2020 14:22:36 +0200
News Categorie e Servizi
Banche. Colombani (First Cisl): "Banche lente sui prestiti, ha ragione Visco. Così pagano i lavoratori"


Roma, 29 maggio 2020. “Fa bene Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco a rimarcare che da parte di alcune banche c’è stata lentezza nell’erogare i prestiti previsti dal decreto Liquidità. I problemi di organizzazione interna che ha sottolineato non devono però scaricarsi sui lavoratori, che finora hanno fatto da bersaglio alle frustrazioni della clientela. E’ fondamentale tutelare l’interesse dello Stato adempiendo agli obblighi connessi alla legislazione antimafia e a quella antiriciclaggio, ma è necessario eliminare qualsiasi discrezionalità nella segnalazione di operazioni sospette in modo da evitare rischi a carico dei lavoratori ”. Questo il commento del segretario generale di First Cisl Riccardo Colombani alle Considerazioni finali del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco.

“E’ positiva l’attenzione riservata da Visco al tema della criminalità organizzata, che potrebbe sfruttare ai suoi fini i finanziamenti coperti da garanzia statale oppure approfittare della crisi per rilevare a prezzi favorevoli imprese in difficoltà – prosegue Colombani - Per contrastare questi pericoli le leggi non sono sufficienti: serve accanto all’impegno delle istituzioni quello della società civile. Ecco perché abbiamo proposto il rilancio degli osservatori regionali sul credito. Si tratterebbe di uno strumento prezioso per evitare che tra i diversi territori non si creino squilibri nell’allocazione del credito, con le ricadute sociali che da ciò deriverebbero. Per funzionare davvero – conclude il leader dei bancari della Cisl - gli osservatori dovranno però aprirsi alla partecipazione di tutti i soggetti sociali, coinvolgendo sindacati, associazioni d’impresa e consumatori”.



Roma, 29/05/2020

Data articolo: Fri, 29 May 2020 13:02:31 +0200
News Categorie e Servizi
Terziario. Ferrari (Fisascat Cisl): "Sindacati e imprese al tavolo con i ministri Patuanelli e Bellanova. Urgente prorogare gli ammortizzatori sociali e il divieto dei licenziamenti"

Roma, 29 maggio 2020 - «Sostenere i lavoratori dei pubblici esercizi e della ristorazione collettiva, commerciale e del turismo e delle mense, settori che hanno fortemente risentito della crisi sanitaria ed economica. Urgente prorogare gli ammortizzatori sociali e il divieto dei licenziamenti. Il contratto collettivo nazionale di lavoro è uno strumento valido per affrontare le criticità ma occorre un intervento del Governo per contenere gli effetti di una crisi che non terminerà a settembre. Bisogna lavorare congiuntamente per sostenere lavoratori e imprese». E’ quanto dichiarato dal segretario nazionale della Fisascat Cisl Fabrizio Ferrari al tavolo convocato in modalità videoconferenza dai ministeri dello Sviluppo Economico e delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali in presenza dei ministri Stefano Patuanelli e Teresa Bellanova, delle rappresentanze imprenditoriali di settore e dei sindacati di categoria Cgil Cisl Uil.

Massima condivisione dalle diverse rappresentanze sulla necessità di ricondurre il comparto strategico della ristorazione e dei pubblici esercizi – con 400mila imprese e circa 2 milioni di addetti - nella filiera turistica anche con l’accesso al credito e l’estensione delle previsioni del Decreto Rilancio nonché in materia di incentivazione fiscale e sgravi contributivi. Registrata l’apertura dei ministeri intervenuti sulla prosecuzione di un tavolo permanente e sulla necessità di prorogare gli ammortizzatori sociali e il divieto dei licenziamenti.

Data articolo: Fri, 29 May 2020 12:00:13 +0200
News Categorie e Servizi
Trasporti. Cisl: "Governo acceleri per soluzione vertenza Porto Canale di Cagliari"

Roma, 29 maggio – “Nella vertenza del Porto Canale di Cagliari, aperta ormai da luglio 2019, per la Cisl e la Fit-Cisl la priorità è la salvaguardia dei 185 posti in cassa integrazione straordinaria per 12 mesi, attraverso la possibilità estesa dal decreto Genova per cessata attività dal 1° settembre 2019 al 31 agosto 2020. Ma non possiamo nemmeno aspettare di arrivare alla fine di questo percorso senza un piano industriale, registrando ancora come lo scorso luglio ritardi per l’attivazione della Zona economica speciale e della Zona franca”, così dichiarano Andrea Cuccello, Segretario confederale della Cisl, e Maurizio Diamante, Segretario nazionale della Fit-Cisl, a valle dell’incontro di ieri con il Ministero dello Sviluppo per il Porto Canale di Cagliari.
“Vanno analizzate fino in fondo – proseguono Cuccello e Diamante - le problematicità sul vincolo di impatto ambientale, che non permette lo sblocco di lavori per 100 milioni di euro, problema che avevamo già evidenziato negli incontri di luglio e novembre. Il Ministero dei Beni culturali ha trasmesso il dossier alla Presidenza del Consiglio dei ministri, alla quale chiediamo di esprimersi al più presto.
L’ autorità di sistema portuale ha programmato una call per le manifestazioni di interesse per la gestione del terminal che scadrà il 1° giugno 2020: a nostro avviso potrebbe essere utile una proroga, ma servirebbe rendere più “appetibile” la call, magari utilizzando i fondi del decreto Rilancio. Siamo perplessi non sulla eventuale proroga ma sul fatto che, se non fosse finalizzata a un nuovo concessionario entrante, si rischierebbe di arrivare alla scadenza della cigs e quindi alla Naspi per le lavoratrici e i lavoratori coinvolti”.

Data articolo: Fri, 29 May 2020 10:26:27 +0200
News Categorie e Servizi
Metalmeccanici. Apetino (Fim Cisl): "Jabil. Intervenga il premier Conte: si ritirino i licenziamenti e si riapra tavolo negoziale"

Roma, 29 maggio 2020. Il silenzio assordante di questi giorni da parte del Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo e dei Sottosegretari presenti al tavolo della trattativa con Jabil la scorsa settimana è un chiaro segnale che hanno gettato la spugna ed abbandonato definitivamente i lavoratori al proprio destino.

Dopo la rottura delle trattative con la multinazionale Jabil lunedì notte, il Ministro Catalfo ci aveva detto che il giorno successivo avrebbe convocato il Cda di Jabil poiché intollerabile offendere in quel modo le istituzioni italiane, ignorando le leggi. Siamo ancora in attesa. Sono passati 4 giorni ma quella convocazione non è mai arrivata. Noi però non molliamo e non lasciamo sole le lavoratrici e i lavoratori della Jabil di Caserta. Continuiamo ad essere al loro fianco fino a quando non si troverà una soluzione.

Ministro e governo, forse non hanno chiara l’entità di questa vertenza in una zona con un alto tasso di disoccupazione come l’Agro aversano e dove ogni posto di lavoro rappresenta un’argine alla criminalità organizzata. Siamo davanti ad una vertenza drammatica che interessa, non solo 190 lavoratori ma anche tutti i 540 lavoratori in forza nel sito casertano di Marcianise che dal 25 maggio scorso sono sprovvisti di tutti gli ammortizzatori sociali che gli consentivano di avere il reddito minimo per sopravvivere. Stiamo parlando di 540 lavoratori con le loro famiglie che non possono essere trattate in questo modo scellerato da parte dell’azienda, che ignora le leggi italiane.

Un governo che si rispetti non si lascia prendere in giro in questo modo da una multinazionale, tra l’altro, in un contesto sociale ed economico sempre più complesso con la pandemia che ha ulteriormente compromesso la situazione. Dopo il fallimento del Ministro del Lavoro, ora chiediamo al premier Conte d’intervenire con un’azione immediata, concreta e risolutiva nei confronti di Jabil.

L’azienda deve immediatamente ritirare i licenziamenti e sedersi al tavolo negoziale per trovare una soluzione che ricollochi e dia prospettive occupazionali a tutti i lavoratori e alle loro famiglie.

 

Data articolo: Fri, 29 May 2020 07:28:25 +0200
News Categorie e Servizi
Consumatori. Turismo. Appello di Adiconsum a Parlamento e Governo: intervenire per ripristinare i diritti dei viaggiatori La scelta tra rimborso e voucher deve essere del consumatore

28 maggio 2020 - Accogliamo con favore la segnalazione che l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha inviato al Parlamento e al Governo sul voucher obbligatorio, introdotto con l’art. 88 bis in sede di conversione in legge del Decreto Cura Italia - dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale.

Adiconsum - prosegue De Masi - aveva contrastato tale introduzione scrivendo anche ai Sottosegretari Alessia Morani e Lorenza Bonaccorsi alle quali aveva presentato le proprie proposte: dalla proroga della validità dei voucher per ulteriori 12 mesi in caso di non utilizzo al rimborso in contanti, allo scadere del voucher, in caso di impossibilità ad usufruirne, dalla possibilità di un frazionamento del voucher in singoli servizi turistici all’istituzione di un Fondo di garanzia per i voucher emessi per i contratti di trasporto e delle prenotazioni alberghiere, in caso di fallimento delle compagnie aeree o delle strutture ricettive, così come previsto per i pacchetti turistici.

Pur riconoscendo che il comparto del turismo è tra quelli più penalizzati in assoluto dall’emergenza coronavirus - conclude De Masi - riteniamo tuttavia che esso non possa essere salvato con i voucher dei consumatori, ma da interventi strutturali e consistenti da parte del Governo. Adiconsum è pronta a collaborare con l’industria del turismo per individuare soluzioni di pronta applicazione a livello nazionale e rispettose delle raccomandazioni della Commissione europea, lavorando anche per prevenire gli eventuali contenziosi che potrebbero insorgere con i consumatori ricorrendo alle procedure di conciliazione.

Data articolo: Thu, 28 May 2020 15:56:00 +0200
News Categorie e Servizi
Istruzione. Cisl Scuola: "Solidarietà alla ministra Lucia Azzolina"

Roma, 27 maggio 2020. Tutta la nostra solidarietà alla ministra Lucia Azzolina, la più ferma condanna per atteggiamenti che denotano un preoccupante livello di stupidità e inciviltà.

Il diritto di esprimere il proprio dissenso è un principio fondante della democrazia, mai però quel diritto può degenerare in forme intollerabili di offesa e di violenza.
Chi opera nel mondo della scuola ha in questo senso una responsabilità in più, essendo chiamato a trasmettere valori sanciti dalla Costituzione anche attraverso la propria diretta testimonianza.

Data articolo: Wed, 27 May 2020 14:46:40 +0200
News Categorie e Servizi
Trasporti. Pellecchia (Fit-Cisl): "Patrocinio festival Italia in the world"

Roma, 27 giugno 2020.  “La Fit-Cisl crede nel settore dei trasporti come spina dorsale della ripresa economica italiana. Per questo siamo lieti di patrocinare la VI edizione del festival Italia in the world, incentrata proprio sulla “rinascita” del Paese. Il festival quest’anno si apre con un contest dedicato alle videotestimonianze del rimpatrio dei connazionali bloccati all’estero dall’emergenza coronavirus: un tema a cui teniamo molto non solo per la vicinanza alle tante italiane e ai tanti italiani in attesa di rientrare a casa, ma anche perché dimostra ancora una volta la strategicità dei trasporti pure in situazioni di emergenza come questa, e l’importanza per un paese di avere una politica dei trasporti seria, programmata, che guardi al futuro riuscendo al contempo a fronteggiare anche imprevisti drammatici come quello che stiamo vivendo con la pandemia”. Così dichiara Salvatore Pellecchia, Segretario generale della Fit-Cisl.

Data articolo: Wed, 27 May 2020 13:02:55 +0200

Le notizie sul lavoro, ricerca lavoro e pensioni

Offerte lavoro, concorsi, bandi

Offerte lavoro su Adecco Annunci offerte lavoro da repubblica.it News lavoro da livesicilia.it Offerte lavoro da cercolavoro.com News offerte lavoro professionearchitetto.it Concorsi presso Corpo VV. Fuoco News offerte lavoro cliclavoro.gov.it News cliclavoro.gov.it News concorsi pubblici da CGIL News lavoro concorsi.it Offerte lavoro da jobannunci.com Offerte lavoro da infojobs.it News da biancolavoro.it News da informagiovaniroma.it

Notizie da INPS e notizie sulla Pubblica Amministrazione

Comunicati stampa INPS News INPS Video tutor INPS youtube News per gli amanti delle action figures Ultimi aggiornamenti da INPS News circolari INPS News Sentenze lavoro da INPS News raggiungere età pensione News da cgiamestre.com News sul lavoro da dati.gov.it News Ministero lavoro e politiche sociali News formez.it(Governo)

Aspetti normativi del lavoro per imprese: diritto, previdenza, sicurezza

News pensionioggi.it News da Agronotizie Sicurezza sul lavoro da sicurezza.it News da lavorofisco.it Diritto lavoro da Studio Cataldi

I sindacati

News primo piano da cisl.it Notizie da cisl.it Comunicati stampa da cisl.it Notizie dal territorio da cisl.it Scioperi e vertenze (CGIL) Salute e sicurezza nel lavoro (CGIL) Contratti e accordi (CGIL) News interventi sul territorio (CGIL) News welfare e previdenza CGIL Tutte le notizie da CGIL News recensioni action figures News per gli amanti delle action figures