Coronavirus, la mappa del contagio nel mondo

NEWS - Tutti gli sport(no calcio) - NEWS - Tutti gli sport(no calcio)

figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna in pre-order
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

News judo da FIJLKAM

#judo #FIJLKAM

Judo
Fra un webinar ed una riunione zoom, ecco la sfida ‘Are you Judo-fit’?

Webinar e riunioni su zoom, ma anche appuntamenti ed interviste su YouTube hanno invaso la quotidianità di tutti, assumendo il connotato di ‘nuova normalità’ in questo momento che normale non è. Una fra le tante, è stata pensata per mettere insieme gli atleti, promossa con il passa parola e si è tenuta domenica sera, titolata con un suggestivo ‘Con il cuore sul tatami ed i piedi a due passi…’. Sessantacinque gli atleti di shiai, master e kata presenti, oltre dieci le regioni rappresentate e molte idee e proposte sono maturate in un clima cordiale e costruttivo. “Che bello – ha commentato Giulia Pierucci - nessuno ci ha mai pensato”, aggiungendo “la prossima volta potremmo organizzare una sfida a squadre...”, mentre Valerio Ferro ha confessato di aver sognato una gara, più precisamente una semifinale “Zagabria, sì sì Zagabria... – ha detto - ho vinto al Golden Score per 3 shido”. E poi a commentare i ‘Referee webinar’ proposti da EJU, ma anche altri stimoli sui quali esercitarsi in assenza di competizioni. È intervenuta, da Parigi, anche Elisabetta Fratini, che ha sensibilizzato l’attenzione sulla sfida promossa da IJF, ‘Are you judo-fit?’, un’iniziativa il cui rilancio da parte nostra era stato programmato proprio per oggi…

Questa la traduzione del testo della notizia pubblicata il 22 maggio su ijf.org

VenerdÏ 22 maggio 2020 la Federazione Internazionale di Judo ha lanciato la nuovissima piattaforma IJF Fit. In questo periodo complicato per tutti, è il modo giusto per rimanere forti (#StayStrong), rimanere attivi (#StayActive), rimanere in salute (#StayHealthy) e rimanere social (#StaySocial).

L’IJF propone una sfida d’elite, un test di resistenza contro atleti d’elite, amici e contro te stesso. Mostra al mondo e a te stesso cosa sai fare! Chiunque tu sia, età e condizione fisica non contano. La cosa importante è partecipare.

È arrivato il momento di gareggiare, è arrivato il tuo momento. Alzati e aiuta a dimostrare che il judo è vivo e resiste, piÚ forte che mai.

Il Presidente dell’IJF, Marius Vizer, ha detto: “Abbiamo sviluppato Judo Fit per incentivare la salute fisica e mentale durante questo periodo difficile. Questa iniziativa mira a consentire l’interazione sociale all’interno della Famiglia del Judo e della Comunità Sportiva praticando il distanziamento sociale e la promuovendo uno stile di vita sano. Sfidiamo tutta la comunità sportiva a prendere parte a queste divertenti sfide.”

Su fit.ijf.org potrai nominare e sfidare i tuoi amici, i migliori, i professionisti, perfino quelli che non fanno judo. È un test di resistenza aperto a tutti e senza limiti di tempo. Puoi partecipare a 5 sfide e vincere trofei in base ai tuoi risultati o competere con i professionisti per la vetta delle classifiche.

Preparati perchĂŠ da venerdĂŹ 22 maggio le sfide saranno aperte. Ci proverai? Hai abbastanza coraggio?

Insieme siamo piĂš forti, insieme miglioriamo, insieme costruiamo corpi e menti sane e un mondo piĂš bello.

#JudoFit #IJFFit #areyoujudofit #StayStrong #StayActive #StayHealthy #StaySocial

Data articolo: Mon, 25 May 2020 21:42:44 +0200
Judo
Poi si ripartirĂ , ma a chi ha lottato e chi ha sognato: grazie!

LunedĂŹ scorso l’IT Department dell’IJF ha fatto pervenire alle federazioni judo di tutto il mondo la Ranking of the week. Certo, è vero che l’aggiornamento inviato da Elisabetta Fratini il 27 aprile, poco si scosta dalle classifiche precedenti in quanto la differenza, se c’è, è limitata ai punteggi che con il tempo si sono ridotti ed essendo questo un fattore uguale per tutti, la situazione complessiva non è cambiata. Basta confrontarla con quella della quale scrivemmo un mese e mezzo fa, con la notizia del 16 marzo titolata ‘Se oggi si chiudessero i giochi per i Giochi’. Ma la riflessione che si vuole fare è un’altra. E da una parte rileva un piacere sottile, quello del senso di normalitĂ  che è in grado di regalare una mail con allegato l’aggiornamento della ranking list. Anche se non ci racconta niente di nuovo. Dall’altra invece, c’è la voglia altrettanto sottile, ma dirompente di denunciare orgoglio e soddisfazione per quanto queste ragazze e questi ragazzi hanno saputo e potuto costruire in questo percorso, che purtroppo è rimasto incompiuto, sospeso in un’attesa intrisa d’incertezze. Ormai, il nemico da sconfiggere è il Covid-19, ed è fortissima la speranza di riuscire ad abbatterlo il prima possibile. Ma è fortissimo anche il sentimento che applaude, ringrazia ed incoraggia questo straordinario team Italia. Per i risultati che ha saputo e potuto raccogliere, per i valori assoluti che ha saputo e potuto esprimere sui tatami di tutto il mondo, per la credibilitĂ  che ciascuna e ciascuno di loro ha costruito, giorno per giorno, gara dopo gara. L’Olimpiade è stata allontanata, e cosĂŹ anche la ripresa, che sembra prendersi gioco delle aspettative e scappare in avanti ogni volta che è sulla linea del via. Ma a tutte quelle e tutti quelli che hanno lottato e sognato per Tokyo 2020, a chi è arrivato piĂš in alto di tutti, ma anche a chi ha ottenuto il suo primo punto olimpico, a chi l’Olimpiade l’avrebbe guadagnata in un altro ruolo ed a chi ha sostenuto e sofferto e gioito per ciascuno di questi, ecco, a tutti questi sentiamo di voler dire grazie. Poi si ripartirĂ , ma per tutto quello che fin qua è stato fatto, grazie davvero.  

Data articolo: Fri, 01 May 2020 13:14:45 +0200
Judo
The Great 8, il contest di disegno sui valori del judo

Roma, 19 aprile 2020 - The great 8 è il contest di disegno organizzato dalla IJF per bambini di età inferiore a 14 anni. Un contest che lasci parlare i bambini dei valori universali del judo, applicati alla loro vita quotidiana al giorno d’oggi. Valori che vengono insegnati in ogni lezione di judo in qualsiasi parte del mondo: coraggio, rispetto, modestia, amicizia, onore, sincerità, autocontrollo e gentilezza.

I bambini che partecipano dovranno rispondere con un disegno alla domanda: Cosa significano i valori del judo per te? Come useresti i valori del judo nell’attuale situazione?

Gli otto vincitori si aggiudicheranno un judogi della federazione internazionali, per tutti gli altri: magliette o mascots.

Ecco le linee guida per partecipare:

-Rappresenta uno dei valori del judo in azione e cosa significa per te

-Ogni illustrazione deve includere un judogi

-Puoi usare qualsiasi strumento artistico per creare la tua opera (matita, penna, pennelli, grafica)

-L’azione nell’illustrazione deve essere nello spirito del judo

-Nessuna volgarità è ammessa

-Le leggi sui diritti d’autore devono essere rispettate

-Puoi presentare più di un’illustrazione, ma devono essere completamente differenti l’una dall’altra

-Se infrangi le regole previste riceverai un hansoku-make (una squalifica)!

-Se imbrogli sarai squalificato

La giuria sarĂ  composta dai campioni del judo Clarisse Agbegnenou, Varlam Liparteliani, Christa Deguchi e Rafael Silva.

Invia il tuo disegno caricandolo sul sito della IJF

Data articolo: Sun, 19 Apr 2020 15:33:33 +0200
Judo
Fabio Basile, un Caffè con CÊline GÊraud

Roma, 8 aprile 2020 – Lunedì 6 aprile è andata in onda sul sito e sui canali social della IJF l’intervista a Fabio Basile nel programma Coffee with Céline, lanciato durante il Grande Slam di Parigi, dove i grandi del judo contemporaneo si possono raccontare per quello che sono, con i loro hobby, le loro passioni anche oltre il tatami.

CÊline GÊraud è una conduttrice TV (anchorwoman) molto popolare in Francia, ma prima ancora è stata judoka di eccellenza, con un argento mondiale ed un bronzo europeo individuali in un palmares di assoluto prestigio.

In questa occasione, a bere una tazza di caffè e chiacchierare con Céline c’è il nostro Fabio, oro olimpico a Rio de Janeiro 2016. Assaggiato e approvato il caffè, inizia l’intervista che immediatamente vira sul Grande Slam di Parigi dove Fabio non è riuscito ad arrivare alla medaglia. “Qualche volta si vince, qualche volta si perde. È comunque buono per la mia preparazione alle Olimpiadi. Lottare a Parigi è stato importante, c’era tanta bella gente nel Palazzetto ed io ero molto motivato, volevo vincere”.

Nel 2020 si è lottato anche al Grand Prix di Tel Aviv, dove invece Fabio ha conquistato l’oro. L’impressione di Céline è che stesse preparando qualcosa di grande in vista di Tokyo. La risposta, però, è molto semplice. Dipende tutto dall’allenamento: “Io mi alleno tantissimo da quattro anni e piano piano il mio corpo e la mia preparazione salgono”.

Con tutti gli allenamenti che si possono fare, nella categoria di Fabio c’è un vero e proprio mostro sacro come Shohei Ono, attualmente terzo nel ranking mondiale. Quello con lui è un vero e proprio appuntamento. Ma, ricorda Fabio, non è il solo: “C’è anche Hashimoto. Sono due atleti davvero forti, di un altro livello. Io mi alleno per vincere con loro due”.

Le intervistae di Céline Géraud sono fatte non soltanto per sapere cosa gli atleti fanno, ma anche, e soprattutto, per sapere chi sono. Per questo si intrecciano domande puramente sportive a domande relative al privato di questi atleti. Una delle domande verteva sul comportamento di Fabio ritenuto da alcuni, a detta della giornalista, eccessivo, troppo da showman. La risposta, come sempre, è diretta e sincera: “Io sono Fabio, questo è Fabio. Ho la mia personalità e per me non esiste altro che arrivare sul tatami e provare a sconfiggere chiunque. Una volta va bene, una volta va male, non c’è problema, ma soltanto la competizione è importante”.

Passando a domande più leggere, si toccano gli hobby di Fabio e scopriamo che ama guardare film: “mi piace per rilassarmi e riposare un po’. L’ultimo film che ho visto in tv è Rocky Balboa, il terzo della saga. Mi piace perché è buono per la mentalità degli atleti essendo reale”; e che in fatto di musica ha i suoi gusti: “Sì, mi piace la musica italiana e la musica romantica. Anche prima di combattere non mi piace la musica troppo aggressiva, ma quella che è rilassante per la mente”; e che inoltre sta scrivendo: “un libro sulla mia vita e sulla mia fanciullezza. Forse dopo Tokyo sarà pronto. Voglio che i bambini conoscano la mia storia perché per loro avere un idolo buono, e non stupido, è importante. Ma uscirà dopo le Olimpiadi, ora penso solo ad allenarmi”.

Tuttavia, nella sua vita, è davvero soltanto il judo che conta: “Non ho altre passioni. La mia testa è concentrata solamente sul judo. Non ho altre strade. Penso soltanto al judo. Vivo per questo. Quando ho visto le Olimpiadi di Sidney, ho detto a mia madre: ‘Guarda, Maddaloni ha vinto. Fra qualche anno vincerò anche io’. Mia madre disse che ero un bambino e non dovevo pensare al judo, ma a studiare e a stare e giocare con gli amici. Già allora le risposi che volevo solo vincere le Olimpiadi, non volevo altro.”

E poi è arrivato l’oro di Rio. “Quando ho vinto a Rio, il giorno dopo, mi sono detto che volevo diventare una legenda e vincere due Olimpiadi. Quante persone hanno vinto due Olimpiadi?”, chiede a CĂŠline che non si fa cogliere impreparata. Il judoka che è riuscito a vincere due medaglie d’oro olimpiche in due categorie di peso diverse è stato il polacco Waldemar Legień nel 1988 e nel 1992. “Esatto, e questo è il mio sogno e obiettivo. Il mio peso non è troppo alto, oscillo fra i 72 e i 71, ogni tanto arrivo a 74 ma soltanto se mangio tanta pasta di mia nonna (ride). Credo di poter scendere di nuovo a 66kg”. 

Fabio ha vinto a Rio, quattro anni fa, nei 66kg e a Tokyo gareggerĂ  invece nei 73 kg, inseguendo appunto il suo sogno. Ma la sua ultima frase ci proietta oltre Tokyo, in un futuro in cui Fabio Basile potrebbe prendere in considerazione l’idea di scendere nuovamente di categoria, come ha anche dichiarato in un’intervista di venerdĂŹ sul canale Instagram IJF a Sheldon Franco. Non una scelta facile, certamente, ma neanche tanto astrusa se si pensa che Manuel Lombardo potrebbe tentare la stessa strada di Fabio, passando ai 73 kg, e considerato che a 81kg c’è il migliore amico di Fabio, Antonio Esposito, contro il quale non vuole gareggiare. 

Tornando a Tokyo e alla nostra intervista, Célin Géraud chiede a Fabio di lasciarsi con un messaggio per il rivale di oggi, Shohei Ono. “Ti ho aspettato qui al Grande Slam ma non sei venuto. Dove sei? Il mio sogno è combattere con te, e di certo voglio vincere”.

“E ci riuscirai?”, lo incalza Céline.

“Non saprei. Ono è davvero fortissimo, come Hashimoto. Ma esiste un solo re. Chi sarà il re?”

L’intervista, tratta dal programma Caffè con Céline, finisce così, con una sfida lanciata. Ma nei giorni a seguire, l’emergenza Covid-19 ha stravolto tutto. Le Olimpiadi saranno nel 2021 e la preparazione è da rifare, ma soprattutto c’è una nuova sfida per la quale Fabio lancia il suo appello: “Rimanere a casa e rimanere forti perché i campioni si distinguono nel sapersi rialzare”.

Data articolo: Tue, 07 Apr 2020 21:23:18 +0200
Judo
Emozioni indescrivibili di judoka speciali

“In questo periodo, tante manifestazioni sono sospese, ma vengono fuori i frutti migliori dello sport: la resistenza, lo spirito di squadra, la fratellanza, il dare il meglio di sé. Dunque, rilanciamo lo sport per la pace e lo sviluppo”. Sono queste le parole che Papa Francesco ha pronunciato ieri, 6 aprile, in occasione della Giornata Mondiale dello Sport per la Pace e lo Sviluppo. Resistenza, spirito di squadra, fratellanza, dare il meglio di sé, sono questi i valori dello sport, ed è questa la responsabilità che ogni praticante sceglie di assumersi e ha il dovere di difendere. E nel pronunciare quelle parole, è probabile che il Papa sia andato con la memoria all’incontro avuto poco meno di due mesi fa nella Santa Sede, quando ha ricevuto una squadra di judoka speciali che, senza dubbio, difendono in modo esemplare i valori dello sport.

“È stata un’emozione indescrivibile – ha detto Lorenzo Brasi, che ha accompagnato i ragazzi del corso di Judo Adattato del Body Park Bergamo - culminata prima con il saluto a tu per tu con il Santo Padre e la presentazione di ogni singolo Atleta, poi con la consegna dei regali che avevamo portato per ringraziarlo, fra questi anche il libro “La mente prima dei muscoli'” di Jigoro Kano e, infine, con il passaggio nel corridoio centrale dell’Aula Paolo VI, tra l’applauso della folla ed i “batti 5” dei partecipanti”. Quattordici atleti, tutti con sindrome di Down, si sono presentati con indosso il kimono e, ai fianchi, le loro cinture. Anche chi, come Giulio, con la cintura nera. Sono arrivati da Ponte San Pietro e Gorle, nel Bergamasco, e sono protagonisti di una straordinaria storia di inclusione attraverso lo sport. Straordinaria perché vissuta nella semplicità più disarmante. Il coach li ha presentati uno a uno, con sano orgoglio, insieme agli altri due allenatori Carolina e Francesco. Un progetto, questo del “Body Park Judo Cus Bergamo”, avviato alcuni anni fa grazie a don Ezio Rovelli e Massimiliano Gervasoni. E sicuramente quegli sguardi emozionati, gioiosi e fieri di judoka con sindrome di Down hanno raccontato molto più di qualsiasi manuale sull’inclusione e rappresentato i valori che lo sport, tutto lo sport, rappresenta e testimonia.

Data articolo: Tue, 07 Apr 2020 12:44:26 +0200
Judo
Se oggi si chiudessero i giochi per i Giochi…

È stata fermata ormai tutta l’attività internazionale in attesa che il COVID – 19 allenti la presa, ed è convocata per domani una riunione d’urgenza del Cio, rigorosamente in videoconferenza. All’ordine del giorno il punto della situazione con i rappresentanti delle federazioni internazionali delle discipline olimpiche estive a 130 giorni dall’eventuale inizio dei Giochi a Tokyo, al via in calendario il 24 luglio. Le problematiche sul tavolo sono diverse e complesse, ma è chiaro a tutti ormai che a tutto si trova una soluzione purché la salute pubblica non sia in pericolo. Fra quelli che non si fermano c’è anche Elisabetta Fratini, responsabile IJF per la gestione della ranking list, che oggi ha puntualmente aggiornato e dalla quale si può estrapolare qualche dato, utile se non altro, ad offrire la fotografia dello stato attuale di salute dei nostri top-judoka. E si tratta di una fotografia indubbiamente positiva che, qualora i Giochi a Tokyo iniziassero domani, sarebbero ben otto gli atleti qualificati. Manuel Lombardo, primo nei 66 kg, Odette Giuffrida, quarta nei 52 kg, ad oggi sono entrambi ammessi ai Giochi, così com’è Christian Parlati, diciannovesimo negli 81 kg. Dei cinque azzurri attualmente in classifica fra i top 30, ad avere oggi il pass olimpico sono Fabio Basile, 22esimo nei 73 kg, Maria Centracchio, 26esima nei 63 kg ed Alice Bellandi, 27esima nei 70 kg. A prescindere dal fatto di essere preceduti da un compagno di squadra, sono top 30 e vicini alla ‘zona qualificazione’ anche Matteo Medves, 26esimo nei 66 kg ed Antonio Esposito, 28esimo negli 81 kg. Altri due atleti qualificati (si ribadisce, nell’ipotesi di qualificazione chiusa oggi) sono Edwige Gwend, 31esima nei 63 kg e Nicholas Mungai, in quota continentale, 35esimo nei 90 kg e con loro, fra i top 40, ma non qualificati Giovanni Esposito, 32esimo nei 73 kg, Francesca Giorda e Francesca Milani rispettivamente 39 e 40 nei 48 kg. È questa dunque, la situazione maturata dal Team Italia se oggi si chiudessero i giochi per i Giochi. Un risultato concreto che valorizza un team solido, che nel dopo Rio si è costruito un’identità forte ed è riuscito a farsi strada a prescindere da tutto.

Data articolo: Mon, 16 Mar 2020 18:09:51 +0100
Judo
Aggiornamento programma IJF dopo il 30 aprile 2020

La segreteria generale dell’IJF ha reso noto che il calendario degli eventi validi per la classifica mondiale proseguirà, dopo il 30 aprile 2020, con il Grand Slam a Baku, il Masters a Doha, il Grande Slam a Budapest e i Campionati Continentali. Naturalmente, anche questo programma potrà essere modificato in base a come svilupperà la situazione Coronavirus. La Judo-family sarà prontamente informata su qualsiasi nuovo sviluppo.

Data articolo: Wed, 11 Mar 2020 13:25:43 +0100
Judo
Cancellata anche Ekaterinburg, Chyurlia: “Decisione responsabile”

La decisione è maturata in tempo, l’evoluzione della crisi generale causata dalla diffusione del virus non ha lasciato particolari spazi di manovra ed il Grand Slam ad Ekaterinburg non si farà. È stato cancellato.

Inoltre, preso atto che il diffondersi del Coronavirus in un numero sempre maggiore di Paesi e nell’ottica di limitare il più possibile la diffusione del contagio, l’IJF in merito alla qualificazione olimpica ha comunicato:
- sono validi i punti in Ranking ottenuti dagli Atleti fino al 9 marzo 2020 – senza tener conto del Gran Premio di Rabat che non è stato disputato;
- è congelato il calendario IJF e sono cancellati tutti i tornei di qualificazione olimpica fino al 30 aprile 2020 (Grand Slam Ekaterinburg, Grand Prix Tbilisi, Grand Prix Antalya);
- l’IJF intende mantenere il Grand Slam Baku ed il Master Qatar come attualmente previsto dal calendario, a condizione che la situazione sanitaria globale migliori;
- il Grand Prix di Budapest in programma dal 12 al 14 giugno 2020 diventa Grand Slam.

“Confidavo nel fatto che l’IJF avrebbe preso una decisone responsabile, a garanzia di tutti gli atleti. – ha detto Roberta Chyurlia, appena appresa la notizia - Il presidente Vizer è una persona attenta ad evitare qualsiasi forma di discriminazione e speravo che, anche in questo caso, avrebbe fatto tutto il possibile per tutelare il nostro SPORT ed i suoi principi. Al momento sono davvero dispiaciuta che a pochi mesi dai Giochi atleti ed arbitri vivano con ansia e tristezza un momento che dovrebbe essere, al contrario, solo ricco di speranza e gioia. Spero che presto la situazione generale migliori e che tutti noi possiamo dare il meglio di noi stessi per realizzare il nostro SOGNO. Un pensiero ai ragazzi della Nazionale, sono dei veri guerrieri, ho solo da imparare da loro! Ovviamente faccio riferimento al nostro sport, ma non dimentico assolutamente tutti coloro che lavorano e si sacrificano per la nostra salute e coloro che versano in condizioni critiche proprio a causa di questo maledetto virus”.

Data articolo: Tue, 10 Mar 2020 12:58:56 +0100
Judo
Cancellata la Athens Junior European Cup 2020

Roma 9 marzo 2020 - Vi comunichiamo che la Athens Junior European Cup del 21-22 Marzo è stata cancellata.
Annullato anche il Training Camp previsto per il 23-26 Marzo

I rimborsi (EJU fee e soggiorno) sono da richiedere direttamente agli Organizzatori 
iliadiscup@hotmail.com Tel: +30 2104834031



Data articolo: Mon, 09 Mar 2020 11:58:12 +0100
Judo
Grand Slam Ekaterinburg, Italia impossibilitata a prendervi parte

Per il momento, il Grand Slam ad Ekaterinburg non è stato ancora cancellato e, se si dovesse svolgere regolarmente com’è previsto da venerdì 13 a domenica 15 marzo, gli iscritti potrebbero essere i 587 atleti di 90 nazioni che risultano al momento, in seguito alla rinuncia dell’Italia, che è stata confermata poco fa. Dopo aver considerato le nuove disposizioni per l’ingresso dei cittadini italiani in Russia infatti, è stato riscontrato che la squadra azzurra risulta impossibilitata a prendervi parte e, di conseguenza, la direzione tecnica nazionale ha deciso che il raduno collegiale in corso nel Centro Olimpico a Ostia si concluderà domani, sabato 7, anziché martedì 10 come da programma. Questa la squadra che non partirà per Ekaterinburg, Maria Centracchio, Edwige Gwend (63), Alice Bellandi (70), Manuel Lombardo, Matteo Medves (66), Fabio Basile, Giovanni Esposito (73), Antonio Esposito, Christian Parlati (81).

Data articolo: Fri, 06 Mar 2020 17:01:28 +0100

Lettera A Lettera B-Be Lettera Bi-Bz Lettera C1 Lettera C2 A.Camilleri A.Camilleri 2 Casati Modignani Lettera D-E Lettera F Lettera G-Gi Lettera Gl-Gz Lettera H-I-J Lettera K-Le Lettera Lf-LZ Lettera M-Me LetteraMi-Mz Lettere N-O Lettera P Lettera Q-R Lettera S-Sl LetteraSm-Sz Lettera T Lettera U-V Lett.da W a Z AA.VV. Dizionari Guide Lista libri


Tutte le notizie di tutti gli sport escluso il calcio

News generaliste che accomunano sport diversi

News C.O.N.I. News video da gazzetta.it RAI SPORT in diretta

Atletica leggera

News Atletica da FIDAL Video di Atletica da FIDAL News Atletica da atleticanotizie.myblog.it News Atletica leggera gazzetta.it Video IAAF Diamond League

Sport delle due ruote: ciclismo e motociclismo

Ciclismo da gazzetta.it Ciclismo da Federciclismo Ciclismo su strada da Federciclismo Mountainbike da Federciclismo Ciclismo su pista da Federciclismo News Motociclismo gazzetta.it News Motociclismo da moto.it

news nuoto, tuffi e pallanuoto

News da Federnuoto Tutti i record di nuoto da Federnuoto News Nuoto gazzetta.it

news basket

News basket da basketissimo.com Nazionale basket da basketissimo.com Le altre nazionali di basket da basketissimo.com Basket Champions FIBA da basketissimo.com News basket serie A da basketissimo.com News basket Serie A2 da besketissimo.com

news volley

News volley da volleyball.it Campionati volley da volleyball.it Coppe europee volley da volleyball.it Serie A donne volley da volleyball.it News Volley gazzetta.it Recensioni action figures

news automobilismo, motori

News Automobilismo gazzetta.it News Passione Motori gazzetta.it

news tennis

News Tennis gazzetta.it News Tennis supertennis.tv News da internazionibnlditalia.it

Lotta, judo, karate, arti marziali

News da FIJLKAM News judo da FIJLKAM News karate da FIJLKAM News lotta da FIJLKAM News arti marziali da FIJLKAM Recensioni action figures

news ginnatica e vela

News ginnasticaartistica
italiana.it
News Federginnastica News da Federvela News vela da assovela.it

news dalle federazioni

News da Federcanoa News da Federcanottaggio News Feder Triathlon News Federclimb News Federdanza News Federtennis da tavolo News da FIBS News Feder Badminton News Federpesistica News Taekwondo News equitazione da FISE News da FIDS Sicilia Pentathlon moderno da FIPM News Handball da FIGH News da Federscherma

news altri sport

Per gli amanti delle action figures News Sport invernali gazzetta.it News Rugby gazzetta.it Recensioni action figures